Espandi menu
cerca
La cosa sulla soglia

Regia di Andrea Frazzi, Antonio Frazzi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 95
  • Post 4
  • Recensioni 1981
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La cosa sulla soglia

di Baliverna
7 stelle

In un appartamento altoborghese, dove interagiscono alcuni amici, si intesse la trama di uno strani esperimenti stregoneschi operati da alcuni di loro.

È piuttosto insolito questo prodotto televisivo, tratto da un racconto di Lovecraft, soprattutto per il rigore della messa in scena, dell'inquadratura, e la qualità della recitazione.

Quanto alle interpretazioni, si può vedere un giovane Massimo Ghini insieme ad altri attori dell'epoca meno noti; tutti recitano con attenzione e con una buona dizione, elemento rimasto un lontano ricordo nelle produzioni televisive contemporanee.

La regia è attenta e precisa nel dirigere gli attori, e nel disporli nell'inquadratura: spesso sono ben posizionati tra primo e secondo piano, e alle volte entrano in gioco gli specchi.

La suspense cova durante il procedere dell'azione, soprattutto perché non si capisce bene cosa stia succedendo, e quale pericolo sia in agguato. Si parla in modo oscuro di strani e rischiosi esperimenti con risvolti macabri, di ipnosi e stregoneria, ma solo alla fine il mistero viene a galla. A proposito, durante le sequenze finali è ravvisabile qualche incertezza nell'insieme: forse alcune sequenze sono un tantino troppo tirate e la scena madre è un po' sfuggente.

Girato in videotape, il supporto mostra oggi più di allora i suoi limiti: non solo i colori freddi sono quasi svaniti a favore del rosso e dei suoi derivati, ma l'immagine risulta levigata ed incerta nei particolari. Lo sfrigolio, tuttavia, è assente.

Precisato tutto ciò, aggiungo anche che questa è televisione da riscoprire.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati