Espandi menu
cerca
Stigmate

Regia di Rupert Wainwright vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 218
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Stigmate

di FilmTv Rivista
8 stelle

L’anno giubilare è forse il meno indicato per l’uscita di un film che, per i temi che tocca, si può senza dubbio definire blasfemo: al pari di “Il signore del male” di Carpenter, “Stigmate” è uno dei più duri attacchi mai condotti dal cinema contro l’istituzione della Chiesa cattolica. La protagonista di questo thriller religioso è una giovane parrucchiera atea di Pittsburgh, che scopre con terrore e dolore di avere le stigmate, un segno divino di santità riservato a pochi eletti come san Francesco o Padre Pio. I segni della passione del Cristo sul suo corpo sono causati da un antico rosario dono della madre, e attirano l’attenzione di un prete investigatore inviato dal Vaticano; questi appura che la donna è il terminale di un’entità che le detta in aramaico un vangelo già noto e destinato dalla Chiesa all’oblio, perché riscrive completamente la sua storia. Appassionante e coinvolgente, il film di Rupert Wainwright recupera una tensione dello scontro apocalittico tra “sacro” e “demoniaco” che ricorda quella di “L’esorcista” e di “Il presagio”. Il punto debole è nell’ambizione di voler tenere insieme troppi fili fantapolitici e fantareligiosi, che nel finale s’ingarbugliano, togliendo forza ad un’immagine che spesso turba e seduce. 

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 20 del 2000

Autore: Fabrizio Liberti

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati