Espandi menu
cerca
Zack Snyder's Justice League

Regia di Zack Snyder vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 284
  • Post 188
  • Recensioni 5074
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Zack Snyder's Justice League

di alan smithee
5 stelle

Superman è morto, e drappi neri fasciano in suo ricordo i principali monumenti delle metropoli nel pianeta.

Eseguendo la sua azione di tutela quotidiana, Batman intuisce che l'apparizione di un essere da un altro mondo, preannuncia una imminente invasione aliena maligna. 

E intuisce pure che da solo non potrà costituire una garanzia. Parte perciò in giro per il mondo col compito di costituire una squadra. Un'impresa che si rivelerà ardua per un uomo che ha fatto della asocialità e della sua solitudine il suo baluardo e la sua difesa, come gli diagnostica con la solita verve caustica il suo fido maggiordomo Max.

Dopo molte difficoltà e qualche plateale defezione, la "Justice League" comprenderà l'amazzone Wonder Woman, il cui regno è il primo ad essere attaccato, Acquaman, dal regno di Atlantide, pure lei oggetto di attacco, Cyborg, un ragazzo morto ma ricostruito dal padre scienziato, e Al Speed, giovanotto colpito da un fulmine e destinato a diventare rapido come la luce. La ricerca della terza "scatola primordiale", che assieme alle altre due sottratte alle Amazzoni e ad Atlantide, permetterebbe al maligno di piegate la Terra al suo giogo, riporterà in vita pure l'eroe numero uno: Superman, fondamentale tassello per la vittoria finale.

È stato un gran guazzabuglio, quel caotico ed affollato, originario e tanto giustiziato da tagli e omissioni Justice League, a cui la produzione cercò ai tempi di conferire una durata che potesse in qualche modo coordinarsi con una coerente presenza in sala.

Il problema della chiusura delle sale per le drammatiche vicissitudini legate alla pandemia da Covid 19, deve aver indotto la produzione e portare avanti quel progetto originariamente concepito dal vulcanico regista Zach Snyder, concepito strutturando la storia secondo caratteristiche e soprattutto tempistiche che andavano ben oltre le logiche e le possibilità di fruizione commerciale "tutta d'un fiato". Una soluzione che Zach ai tempi lasciò destinare ai cassetti dei fermi produttivi quando una disgrazia familiare lo indusse a lasciare le sorti distributive della sua opera a Joss Whedon, che si armò di forbici e tagliò pesantemente.

Nella sua luova ed originaria versione lunga 4 interminabili ora, bisogna ammettere che le singole astorie che conducono alla lotta finale si presentano decisamente più complete e sviscerate, preparatorie al meglio di uno scontro finale che sembra in qualche modo ora emulare quello dell'ultima avventura dei rivali Avengers made in marvel, in realtà però concepita anzitempo, come ampiamente dimostrabile.

In tal modo, pur sfiancante nella sua durata non proprio da tutti gli sguardi, non si può realmente dire che questo nuovo Director's cut non funzioni, che manchi di brio, di ritmo, di dinamica: Zack Snyder coordina molto bene infischiandosene delle inevitabili lungaggini o pedanterie inevitabilmente presenti nel film e qui riordinate secondo un ordine di capitoli.

Tra gli eori coinvolti, il più simpatico, anche se tra tutti il meno sviscerato, risulta Speed, a cui il bravo Ezra Miller dà il giusto spirito ridanciano, ironico e divertente. Connie Nielsen, regina delle amazzoni e mamma di WW, è statuaria e bella da mozzare il fiato, dando dei numeri forse anche alla non meno avvenente figlia mora (Gal Gadot). Gli altri spesso se la tirano oltremodo, ma pazienza; e se Batman (un Ben Affleck un po' monocorde e distante) ha una voce sempre più grottescamente fantozziana, la rinascita "lazzariana" di Superman (un Henry Cavill macho e per lungo fieramente tempo torso nudo prima di vestirsi a lutto in onore a se stesso con una nuova e più matura ed intrigante tutina nera) in fondo ci rassicura.

La storia continuerà, insieme e/o singolarmente, fino a divenire una minaccia .... probabilmente senza fine, fino a che il dualismo DC/Marvel continuerà a garantire grandi incassi e un seguito quasi oltre ogni possibile, immaginabile aspettativa.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati