Espandi menu
cerca
Tromperie - Inganno

Regia di Arnaud Desplechin vedi scheda film

Recensioni

L'autore

laulilla

laulilla

Iscritto dal 21 febbraio 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 11
  • Recensioni 523
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Tromperie - Inganno

di laulilla
8 stelle

Desplechin è, fra i registi francesi contemporanei, quello che mi affascina maggiormente, poiché riconosco in lui, forse in maggiore misura rispetto ad altri, l’inconfondibile talento di un grande creatore di atmosfere inquietanti e spesso conturbanti, che riescono a coinvolgere gli spettatori per l’intero tempo del film.

In questo caso, la pellicola presenta un soggetto interessante: un romanzo di Philip Roth, il grande scrittore le cui opere letterarie hanno stimolato  produttori, sceneggiatori e registi a realizzare trasposizioni cinematografiche - come era stato per Pastorale americana - senza grandi risultati.

Desplechin è probabilmente il regista che finora meglio ha fatto rivivere un’opera dello scrittore sullo schermo girando la storia – a quanto ha lasciato intendere, parzialmente autobiografica – di un tradimento coniugale, raccontata nel romanzo Inganno (1990), che Roth scrisse a Londra, dove si trovava dopo aver subito una condanna penale negli Stati Uniti per la presunta immoralità dei suoi scritti.

Di questa vicenda è protagonista una coppia di amanti: Phil (Denis Podalydès), scrittore e una signora inglese (Léa Seydoux), che lo ama con trasporto e senza sensi di colpa. La coppia si incontra nei due anni della loro relazione con regolarità nello studio di lui: entrambi attendono con ansia ed eccitazione appassionata ogni incontro, dal quale Phil intende trarre gli elementi costitutivi del nuovo romanzo.

Alter ego dello scrittore, perciò, egli trascrive sul proprio taccuino sensazioni, stati d’animo e oggetti che del trasporto amoroso portano il segno, dando vita, dunque, all'opera, il cui titolo – in  inglese molto più significativo – è Deception, che non solo indica il tradimento coniugale, ma anche la situazione illusoria che può sembrare ai lettori meno avvertiti una tranche de vie, specchio della realtà, anziché finzione, che si sottrae, perciò stesso, a giudizi morali sull’autore.

La sensualissima passione degli amanti si traduce, infatti, sùbito in parola e immediatamente nella scrittura appassionata che i lettori di Roth ben conoscono.

Allo stesso modo, perdono consistenza realistica, per diventare lontani fantasmi - talvolta ossessivi per lo scrittore - altre presenze, non solo femminili, evocate attraverso percorsi della memoria che riconducono alle vere e reali ossessioni di Phil: la morte, l’antisemitismo, l’inquieta ricerca di senso, presenza continua nei romanzi di Roth, e, come in un riflesso speculare, nei film di Desplechin.

Come altri film del regista, anche questo è costruito come un’opera teatrale, sul cui proscenio si muovono, raramente incontrandosi, i personaggi alle prese col loro destino, colle loro follie o con le gelosie retrospettive e un po’ ridicole: mogli e mariti, incapaci di cogliere la finzione e la commedia umana contenuti nel taccuino capitato nelle loro mani, meditano separazioni crudeli e sanguinarie vendette…

Raffinata realizzazione,  il film è un'opera difficilmente dimenticabile anche per la straordinaria interpretazione dei due protagonisti e degli altri personaggi, di cui ricordo, in modo particolare, una grandissima Emmanuelle Devos, Rebecca Marder, Madalina Constantin e Anouk Grinberg nei panni della moglie delusa e un po' meschina di Phil.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati