Espandi menu
cerca
I Was a Simple Man

Regia di Christopher Makoto Yogi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 287
  • Post 192
  • Recensioni 5384
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I Was a Simple Man

di alan smithee
5 stelle

Steve Iwamoto, Constance Wu

I Was a Simple Man (2021): Steve Iwamoto, Constance Wu

LUCCA FILM FESTIVAL E EUROPA CINEMA 2021 - CONCORSO LUNGOMETRAGGI

"Hey Gavin. Mi raccomando non invecchiare! La vecchiaia non è fatta per ragazzi come noi".

Il vecchio Masao, indigeno hawaiano vedovo da tempo, scopre di avere un male che lo porterà presto a raggiungere la moglie.

Accudito da due dei suoi tre figli, da un nipote che egli poco conosce e che prova un po' di imbarazzo a sollevarlo e a spostarlo nei movimenti, accudito con affetto dal suo cane, l'uomo si predispone a lasciare la vita terrena e cerca di farlo in modo progressivo, ostentando serenità e chiedendo l'aiuto agli spiriti dei defunti più cari.

La visita dei morti sotto forma di visioni di spiriti che si materializzano con le fattezze dei tempi migliori, aiutano l'uomo a prendere consapevolezza del proprio stato e ad affrontare la dipartita con una coerente ed opportuna serenità, che tuttavia spesso manca a coloro che vivono la sua agonia.

Avvolto tra la rigogliosa natura hawaiana, che riesce ad alternare paesaggi incontaminati a scellerate cementificazioni, il film, opera seconda del regista hawaiano Christopher Makato Yogi ricorda, per atmosfere e sensazioni narrate, i misteri ultraterreni che il grande regista thailandese Apichatpong Weerasethakul ha messo al centro della propria poetica artistica di regista cinematografico.

Pur senza raggiungere quei vertici, il film si fa carico di raggiungere atmosfere insolite che riescono a rendere la vicenda, se non proprio appassionante, almeno abbastanza caratteristica e in grado di incalzare nello spettatore spunti di riflessione e una certa curiosità di fondo, che si concentra nel personaggio piuttosto riuscito e maturo dell'anziano protagonista, uomo semplice già dal titolo, ben reso dall'attore Steve Iwamoto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati