Trama

Benedetto Signore per non avermi fatto nascere donna. È una delle prima litanie recitate da Meir trentenne studioso della Torah; l'uomo è sposato da dieci anni con Rikva, ma la coppia non ha figli anhe se la donna non è sterile. Questo è un problema per la comunità e il rabbino cerca di costringere Meir a ripudiare la compagna. Melka, la sorella di Rivka è invece costretta a sposare il gretto Yossef, compagno di studi di Meir, mentre è innamorata di un giovane musicista laico.

Note

Ultimo atto di una riflessione in tre parti sulla vita nelle grandi città d'Israele, dopo "Devarim" e "Yom Yom". Le donne sono le vere protagoniste del film, vivendo in prima persona le contraddizioni della comunità che sacrifica al rituale e ai comandamenti ogni aspetto del quotidiano, anche il sesso. Gitai, che per molti anni ha vissuto lontano da Israele per le sue idee sulla questione palestinese, ci offre un documento lucido e sofferto sul rapporto tra individuo e comunità.

Commenti (1) vedi tutti

  • descrive una situazione attuale, presente in medio oriente.la discriminazione della donna viene raccontata con grande sincerità e personalità.

    commento di carpa
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Presentato al Festival di Cannes del 1999, “Kadosh” (“sacro”) è l’ultimo atto di una riflessione in tre parti sulla vita nelle grandi città d’Israele, condotta dal regista Amos Gitai. Dopo le ricognizioni nelle comunità di Tel Aviv (“Devarim”) e Haifa (“Yom Yom”), Gitai s’inoltra nel cuore stesso del paese e dell’ebraismo, attraverso le mura e le consuetudini… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ed wood di ed wood
stelle

probabilmente il miglior film di Gitai. Le tematiche sono alte e attuali, i personaggi ben approfonditi e in armonia tra di loro; ma quello che piu' stupisce e' la compostezza formale e il rigore della messinscena. Con piani-sequenza dalla purezza e dall'essenzialita' quasi dreyeriane, Gitai ci porta attraverso il dolore e l'indignazione di una societa' fanatica e ortodossa, che manipola le… leggi tutto

2 recensioni negative

2016
2016

I migliori film degli anni '90

Isin89 di Isin89

Gli anni '90 sono stati un decennio proficuo per quanto riguarda il cinema, molti dei migliori registi di oggi hanno visto la luce proprio in quel periodo e molti altri, già all'attivo da parecchio tempo, hanno…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
4 stelle

Se questo è il miglior film di Gitai, come dicono, sono lieto di non averne visto altri: irritante, nel suo moralismo rovesciato e molto più celodurista: secondo questo film i fanatici ortodossi sarebbero pressoché impotenti o comunque incapaci di fottere, e tutto il problema si riduce al sesso, come e con chi. Tutt'altro che sguardo "pudico" (Morandini), a me pare quasi morboso. Comunque…

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

Utente rimosso (Letizia) di Utente rimosso (Letizia)
8 stelle

Imperdibile questo film-documento di Gitai dove si racconta la storia, o meglio ci fa conoscere la vita dei quartieri ultra ortodossi ebraici,le convinzioni il loro modo di pregare, vivere, amare e soffrire...Da vedere assolutamente e' una delle perle di Amos gitai

leggi tutto
Recensione
2005
2005

001

alice/jane di alice/jane

lynn ha i suoi legni balinesi, lynn non ha più i suoi libri, lynn ha la sua religione su misura, lynn ha suo figlio di cui andare fiera. scegliere, pensiero ossessivo. sta volta è mentre cammino sulla strada bagnata,…

leggi tutto
Playlist

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Bel film, solido e significativo, spettacolare con la semplicità della verità e della sofferenza. Ci fa vedere un mondo che non si conosce, che si pensava confinato alle pieghe più barbare del mondo islamico, e che invece si annida nelle zone più tradizionaliste e conservatrici dell'ebraismo, in quella parte della società che oggi si oppone al ritiro dalla striscia di Gaza e dalla quale…

leggi tutto
Recensione
2004
2004

L'addio.

Crawford di Crawford

Per Giuni Russo, una delle massime cantanti del mondo, canto distillato dalle nuvole più alzate (quelle adatte alle sorgenti), fra le poche voci ad avere mani.

leggi tutto
Playlist
2003
2003

Recensione

ed wood di ed wood
stelle

probabilmente il miglior film di Gitai. Le tematiche sono alte e attuali, i personaggi ben approfonditi e in armonia tra di loro; ma quello che piu' stupisce e' la compostezza formale e il rigore della messinscena. Con piani-sequenza dalla purezza e dall'essenzialita' quasi dreyeriane, Gitai ci porta attraverso il dolore e l'indignazione di una societa' fanatica e ortodossa, che manipola le…

leggi tutto
Recensione

"Il piacere non è puro".

Crawford di Crawford

"Premono stretta la creatura che desiderano, infliggono dolore al suo corpo, e spesso le mordono a sangue le tenere labbra, la inchiodano coi baci, poiché il piacere non è puro, e vi sono oscuri impulsi che spingono…

leggi tutto
Playlist
2001
2001

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Presentato al Festival di Cannes del 1999, “Kadosh” (“sacro”) è l’ultimo atto di una riflessione in tre parti sulla vita nelle grandi città d’Israele, condotta dal regista Amos Gitai. Dopo le ricognizioni nelle comunità di Tel Aviv (“Devarim”) e Haifa (“Yom Yom”), Gitai s’inoltra nel cuore stesso del paese e dell’ebraismo, attraverso le mura e le consuetudini…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito