Trama

Total, giovane impiegato di banca, è allergico al denaro, gli fa schifo toccarlo e disprezza chi lo possiede. Convinto che il mondo sia fatto di ladri, quelli che si professano tali e quelli che si arrichiscono alle spalle degli altri, crede di aver individuato un appartenente alla seconda categoria in un macellaio cliente della banca per cui lavora. Decide di prenderlo di mira.

Note

Apologo grottesco e brechtiano, frontalmente politico ma non così schematico come appare, scritto da Petri con la collaborazione di Ugo Pirro. Rabbioso e verboso, esagitato e cupissimo, sgangherato e stonato, apocalittico e sinceramente fuori dagli schemi del Partito. Generalmente visto come un fallimento.

Commenti (5) vedi tutti

  • Film precursore , ma anche contemporaneo per i tempi, erano i famigerati anni 70. film comunista marxista, quindi surreale e grottesco. Soggetto indiscusso del film: il denaro. Elio Petri ci ha abituato a questi film col tempo...voto 8

    leggi la recensione completa di ivcavicc
  • Film di spessore e qualità, magistralmente interpretato sia da Ugo Tognazzi che da Flavio Bucci, ma anche da tutti gli altri, attori come Salvo Randone, Orazio Orlando, Mario Scaccia, Gigi Proietti, Daria Nicolodi.

    commento di Zarco
  • Non una visione leggera, per i tempi filmici lunghi. Però memorabili i monologhi soprattutto quello finale di Tognazzi. Da antologia l'elogio funebre di Gigi Proietti sui ladri.

    commento di faumes
  • Film un pò sconnesso, folle, surreale ma non privo di un certo fascino ambiguo.Tra le righe emergono verità indicibili.

    commento di marco bi
  • Per avere non bisogna essere e per essere non bisogna avere.

    leggi la recensione completa di tafo
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

hallorann di hallorann
8 stelle

I titoli di testa scorrono sulle immagini dei quadri espressionisti di Mario Vespignani, volti deformati tra cui quello del protagonista Flavio Bucci nei panni di Total, un giovane impiegato di banca allergico al denaro. Si definisce un marxista-mandrakista, disprezza chi possiede il denaro e soprattutto chi lo ruba legalmente. Chiede un prestito di tre milioni “per vivere” al suo… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ezio di ezio
6 stelle

L'impiegato di banca Total (Bucci) preso da un irrefrenabile odio nei confronti del denaro,assume come simbolo da punire un ricco macellaio (Tognazzi) e lo deruba progressivamente di ogni suo avere.Un film grottesco che chiude una sorta di "trilogia della nevrosi" del grande Elio Petri (regista da rivalutare ogni giorno che passa).Il film in questione e' infatti una testimonianza sulla… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Un facoltosissimo macellaio romano (Ugo Tognazzi) viene preso di mira da un impiegato della banca dove tiene il suo capitale (Flavio Bucci). Quest'ultimo accende una spirale di furti senza senso che fornisce fortuitamente al plutocrate l'opportunità di arricchirsi ulteriormente con i soldi dell'assicurazione. Partito dall'idea che la proprietà, al contrario di quanto non reciti il… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020

Recensione

galaverna di galaverna
5 stelle

Il cinema di Petri ha saputo regalare film molto più incisivi di questo "La proprietà non è più un furto", spesso sconclusionato ed eccessivamente retorico nel raccontare la parabola di un bancario (il pur bravo Flavio Bucci, ad uno dei suoi primi film) che diventa il persecutore di un ex cliente (un Tognazzi fin troppo sopra le righe). Così, in una sorta di…

leggi tutto
Recensione

Recensione

ivcavicc di ivcavicc
8 stelle

Film precursore , ma anche contemporaneo per i tempi, erano i famigerati anni 70, dove tutto si "era" compiuto e il "ciclone" doveva ancora venire. Film  surreale e grottesco, dove l'utopia ha gli stessi occhi dell'innocenza e dell'abbandono, appunto gli occhi sganghenati di Flavio Bucci, perfetto nel personaggio centrale del film, con i suoi tick e i suoi momenti lirici, sacrificato,senza…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2019
2019
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti
Trasmesso il 4 maggio 2019 su Rai Storia

Recensione

tafo di tafo
8 stelle

Il cinema di Petri è il ghigno sulla commedia all’italiana, la deformazione grottesca senza salvezza ne redenzione. L’avere prima dell’essere è una perversione che rende possibile regolare tutto con il denaro, per chi lo possiede soddisfare tutti i suoi bisogni. Chi non ha è invidioso di chi ha ed è disposto a molto se non a tutto per arrivare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2017
2017
Trasmesso il 10 novembre 2017 su Rai Movie
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2015
2015

Recensione

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Un facoltosissimo macellaio romano (Ugo Tognazzi) viene preso di mira da un impiegato della banca dove tiene il suo capitale (Flavio Bucci). Quest'ultimo accende una spirale di furti senza senso che fornisce fortuitamente al plutocrate l'opportunità di arricchirsi ulteriormente con i soldi dell'assicurazione. Partito dall'idea che la proprietà, al contrario di quanto non reciti il…

leggi tutto
Recensione

Recensione

ciaco63 di ciaco63
9 stelle

Quest' opera, sommersa alla sua uscita nel 1973  da critiche pesanti, spesso dovute alla superficialità e prese di posizione rigide di chi le portava avanti, si mostrava, come ben affermava il suo autore, una chiave di lettura dell'Italia, oramai uscita dal periodo cosiddetto del boom economico e, quindi, piombata nel pieno della crisi petrolifera, dando allo…

leggi tutto

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

L'impiegato di banca Total (Bucci) preso da un irrefrenabile odio nei confronti del denaro,assume come simbolo da punire un ricco macellaio (Tognazzi) e lo deruba progressivamente di ogni suo avere.Un film grottesco che chiude una sorta di "trilogia della nevrosi" del grande Elio Petri (regista da rivalutare ogni giorno che passa).Il film in questione e' infatti una testimonianza sulla…

leggi tutto
2014
2014
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Utente rimosso (CAVALLERO1968) di Utente rimosso (CAVALLERO1968)
10 stelle

Non ci sono storie Elio Petri era davvero un regista in gamba!!! Ho visto di recente questo film su YOUTUBE e ne sono rimasto molto colpito, Flavio Bucci è strabiliante nel ruolo del ragioniere Total,disturbato psicologicamente con una vera e propria patologia nei confronti del denaro e delle proprietà, certe scene quando il protagonista viene colto da attimi di prurito…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

bellahenry di bellahenry
7 stelle

Questo film è per me un vero capolavoro di scrittura. dall'inizio fino a una buona metà si resta affascinati di come due personaggi così complessi siano descritti con maestri, come il quadro si dipinto a tinte chiare e forti, tutto è nitido nel suo essere sporco e brutto. il protagonista non ha bisogno di parlare perchè capiamo subito ogni suo pensiero, ogni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2013
2013

Recensione

TheWarOfEcho di TheWarOfEcho
6 stelle

Un impiegato di banca, allergico al denaro, si dimette in seguito al rifiuto del suo direttore di ottenere un prestito. Da quel momento sarà ossessionato dal perseguitare in maniera costante un macellaio che incarna quello che secondo lui è il male nella società: il ladro a norma di legge. Petri (che chiude un'ideale trilogia insieme a Indagine e La classe operaia) cerca di rappresentare in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2012
2012

Recensione

mmciak di mmciak
8 stelle

"La proprietà non è più un furto" diretto nel 1973 di Elio Petri,devo dire che mi è piaciuto molto. La storia si svolge a Roma e racconta che il giovane impiegato Total, è allergico al denaro,gli fa schifo toccarlo e disprezza chi lo possiede. Convinto che il mondo sia fatto di ladri,quelli che si professano tali e quelli che si arricchiscono alle spalle degli altri, crede di aver…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Trasmesso il 1 agosto 2012 su Rai Movie

7 su 100

Leo Pitier di Leo Pitier

come discriminante ho scelto i film che ho rivisto più di una volta. Naturalmente l'elenco è incompleto: son rimasti fuori film come 'freaks', 'profondo rosso', 'milano calibro 9'... e alcuni capolavori di W.Allen,…

leggi tutto
2011
2011

Recensione

MRSALZANO di MRSALZANO
6 stelle

Il meno riuscito della trilogia della nevrosi. Segnò anche la fine del periodo fortunato di Petri, fresco di oscar e palma d'oro. L'idea di fondo del film però è lucidissma e la messa in scena è, come sempre, magistrale. Peccato però per quei monologhi brechtiani che appesantiscono parecchio. Il discorso del ladro Proietti al funerale è da antologia…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito