Espandi menu
cerca
Judas and the Black Messiah

Regia di Shaka King vedi scheda film

Recensioni

L'autore

axe

axe

Iscritto dal 23 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post -
  • Recensioni 1067
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Judas and the Black Messiah

di axe
6 stelle

Chicago, fine anni '60. Un giovane di colore, William O'Neall, è reclutato dal F.B.I. per sorvegliare e riferire circa le attività di Fred Hampton, personalità di primo piano delle "Pantere Nere", movimento con idee rivoluzionarie a tutela degli afroamericani. Il film racconta le storie di William o'Neall e di Fred Hampton, fino alla morte di quest'ultimo, e descrive l'organizzazione del movimento di cui era leader. Le "Pantere Nere", ispirandosi a principi e dialettica marxisti-leninisti, promuovevano solidarietà tra persone di colore ed il loro coalizzazarsi contro la società dei "bianchi", chiamati, con disprezzo "porci", ma non il dialogo. Benchè cercassero un confronto con il proletariato, volto più a rendere comprensibili le loro rivendicazioni che a far proselitismo, le "Pantere Nere" erano costantemente su posizioni di difensiva e contrattacco. Le dimostrazioni di aperta ostilità avevano generato, in particolare nel F.B.I. diretto da Edgar Hoover, un allarme tale da spingere alcune istituzioni a combattere il movimento con mezzi non leciti, tra i quali l'inganno ed una violenza spropositata, nella consapevolezza che difficilmente i diretti responsabili ne avrebbero pagato le conseguenze. Fred Hampton fu ucciso a sangue freddo durante un raid della polizia, nell'organizzazione del quale ebbe un ruolo di primo piano William, che ebbe poi i successivi venti anni per pentirsene. Il film caratterizza con cura il personaggio di Fred, interpretato da Daniel Kaluuya. L'uomo ha dedicato la propria vita all'impegno rivoluzionario. E' un personaggio istintivo, sanguigno, in grado di infervorare gli animi ed eccitare le masse; ma anche riflessivo, calcolatore. Sotto la sua guida, alle "Pantere Nere" si uniscono i membri di altri gruppi, e perfino di gang con interessi illeciti. Questo impegno è condiviso con il suo entourage e con la sua compagna, Deborah, in attesa di un figlio. La donna, interpretata da Dominique Fishback, è una figura di notevole tragicità. Comprende l'importanza del ruolo di Fred e ne condivide la dedizione alla causa; al tempo stesso, quasi presagendo la tragedia, matura un'estrema malinconia, che inevitabilmente trasmette al suo uomo. Il personaggio di William è interpretato da Lakeith Stanfield. Il racconto è di ambientazione esclusivamente cittadina; ha un ritmo lento ed un piglio a tratti documentaristico. Non ho trovato particolari eccellenze, nè demeriti nel film. Racconta un episodio della recente storia statunitense, di sicuri interesse ed attualità, alla luce del fermento causato dalle vicende di cronaca legate all'uccisione dell'uomo di colore George Floyd ed eventi analoghi; il livello della recitazione è discreto, il filo conduttore un po' esile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati