Espandi menu
cerca
Judas and the Black Messiah

Regia di Shaka King vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 293
  • Post 194
  • Recensioni 5489
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Judas and the Black Messiah

di alan smithee
6 stelle

"Non combatteremo il capitalismo con un capitalismo nero. Combatteremo il capitalismo col socialismo"
Verso la fine degli anni '60, gli Usa sono attraversati da una serie di rivolte popolari e proteste perpetrate dal popolo contro alcune prese di posizione governative, che andavano dal coinvolgimento degli Usa nella guerra in Vietnam, alle pressanti disuguaglianze verso cui erano costrette le etnie di colore di ogni sorta, soggette ad una forte intransigenza  e alla negazione di diritti oltremodo inviolabili.
L'azione dell'FBI di allora, presieduta dall'intransigente J. Edgar Hoover, istituì un sistema di controspionaggio volto ad accanirsi contro il proliferare di bande conosciute come Le pantere nere", capitanate da focosi dissidenti soprannominati "messia neri", che la polizia cercava in tutti i modi di mettere a tacere, anche con metodi risolutivi violenti.

A questo fine, l'FBI approfitta dell'arresto del truffatore William O'Neil, fattosi passare per un agente proprio della medesima organizzazione, per infiltrarlo come talpa nel gruppo di dissidenti dell'Illinois capitanate dal tenace ventunenne Fred Hampton, personalità assai determinante per motivare i gruppi di neri dissidenti fino a convincerli a combattere per porre un termine alle ingiustizie e alla intolleranza subita dal popolo nero da parte di una élite bianca intransigente ed ingiusta.
La valida e tenace regia di Shaka King, abile sceneggiatore di quest'opera e attivo soprattutto nelle serie tv, ne rievoca le drammatiche vicissitudini, quelle che portarono all'assassinio di Hampton grazie all'azione sottotraccia dell'imbucato e truffaldino O'Neil, che ebbe modo di pentirsi del suo operato nei successivi venti anni che precedettero il suo suicidio.

Ottima ricostruzione di ambienti e location, valida interpretazione da parte di un cast azzeccato, entro cui risaltano senza dubbio le interpretazioni dei due protagonisti, Daniel Kaluuya balzato alla notorietà in Scappa - get Out e rivisto in Black Panther, Widows e Queen & Slim, e l'altrettanto carismatico Lakeith Stanfield nel ruolo da "giuda" di O'Neil, e pure lui già visto sia in Scappa - Get Out, che nei successivi Cena con Delitto e Diamanti grezzi.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati