Espandi menu
cerca
La stanza

Regia di Stefano Lodovichi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 287
  • Post 191
  • Recensioni 5335
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La stanza

di alan smithee
4 stelle

locandina

La stanza (2021): locandina

PRIME VIDEO

Quando la soluzione pare improntata alla più definitiva delle decisioni, e Stella vestita da sposa si ritrova in bilico sul davanzale, bagnata e pronta a spiccare il volo, ecco che il campanello suona e la titubante suicida si ritrova costretta a desistere per andare ad aprire.

Ma alla porta non appare il suo compagno, bensì uno sconosciuto che dice di aver prenotato una stanza tramite l'uomo di Stella, e le ostenta una ricevuta dimostrativa che finisce per indurre la donna ad accoglierlo, non senza una manifesta riluttanza.

Poco a poco il comportamento dello sconosciuto denota che l'uomo non è davvero uno sconosciuto e che anzi conosce le dinamiche controverse che hanno portato quella coppia alla deriva, e hanno reso la vita del loro bambino alla stregua di un incubo.

Ogni personaggio, e sono solo quattro, finisce per rivelarsi presto assai differente a come appare realmente.

Camilla Filippi

La stanza (2021): Camilla Filippi

Guido Caprino, Camilla Filippi

La stanza (2021): Guido Caprino, Camilla Filippi

Guido Caprino, Edoardo Pesce

La stanza (2021): Guido Caprino, Edoardo Pesce

L'interessante regista di "In fondo al bosco", Stefano Lodovichi, fa affidamento saggiamente alle tetra mura oblique di un appartamento più inquietante che accogliente, per cercare di produrci uno studio introspettivo sui travagli mentali che rendono gli individui alla stregua di belve che aggrediscono ed azzannano per paura di ricevere lo stesso trattamento da chi li circonda e minaccia.

Il gioco appare presto piuttosto fine a se stesso e la vicenda si rivela molto meno interessante rispetto a ciò che le premesse ispiravano.

Questo soprattutto a causa di personaggi sin troppo teorici, i cui sviluppi finiscono troppo presto nello sfociare nel vezzo e nella maniera.

Camilla Filippi e Edoardo Pesce si impegnano con grande motivazione, ma è lo sconosciuto reso con impressionante pathos dal corpulento Guido Caprino, quello a cui tocca il personaggio che si rivela di gran lunga più inquietante e repulsivo, non senza andare incontro ad un po' di meccanicità e di maniera, soprattutto quando rivendica diritti lesi od offese ricevute senza alcun riguardo. 

locandina

La stanza (2021): locandina

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati