Espandi menu
cerca
Miss Marx

Regia di Susanna Nicchiarelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 171
  • Post 9
  • Recensioni 958
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Miss Marx

di bufera
6 stelle

Storia intensa e drammatica della figlia minore di Karl Marx, Eleanor, che aveva ereditato l'intelligenza e l'impegno politico

 

locandina

Miss Marx (2020): locandina

 

Miss Marx è un film del  2020 scritto e diretto da  Susanna Nicchiarelli, sulla figura di Eleanor Marx,l a figlia minore di Karl Marx.

 

Eleanor Marx, detta Tussy, figlia minore di Karl Marx, è in prima linea nel promuovere il socialismo nel Regno Unito continuando l'opera del padre, del quale cura tutti gli scritti, partecipando alle lotte operaie, combattendo per i diritti delle donne e l'abolizione del lavoro minorile. Nel 1883, conosce Edward Aveling, talentuoso commediografo e se ne innamora follemente tanto da conviverci. L'uomo è però egoista, fedifrago e scialacquatore, da chiedere soldi agli amici, all'insaputa della compagna, indebitandosi fino al collo fino a prosciugare l'eredità lasciata a Eleanor da Friedrik Engels, amico fraterno del padre. 

 

Edward non si rende conto di consumare anche l'intera esistenza della devota Tussy, che, pur consapevole di star vivendo quella stessa "oppressione morale" imposta dal patriarcato e da lei condannata, non riesce a liberarsene. Nella scena in cui Eleanor ed Edward recitano insieme il famoso dialogo tra Nora e Helmer durante la messa in scena di Casa di bambola di Ibsen i due personaggi sembrano ripercorrere attraverso le parole di un altro l'ingiusta sorte destinata a Eleanor così come a molte altre: quella di una donna condizionata e limitata per tutta la sua vita dalle figure maschili a lei più care. Nel 1898 persa ogni energia e ormai dipendente dall' oppio Eleanor Marx muore tragicamente, vittima del patriarcato contro il quale lei aveva tanto lottato.

 

Le scelte di regia  di Susanna Nicchiarelli  sono coraggiose qusi quanto quelle filosofiche e sociali di Eleanor Marx, tagliando fuori il superfluo e concentrandosi nei momenti salienti, della doppia vita della protagonista, fuori combattiva e determinata che spesso guarda nella camera come se volesse far passare i suoi messaggi a più gente possibile e nel privato mite e sottomessa anche più di altre donne di quel periodo.

 

All'inizio da un primo piano molto ravvicinato si passa al viso di una donna a dare la dimensione di quanto la sua voce, nel frattempo forte e chiara, sia rivolta a un nutrito numero di persone, familiari e compagni di lotta politica e civile. Parole ascoltate in un evento pubblico, questa volta un funerale, quello del padre, uno di quelli che scandiscono la vita di Eleanor Marx. Il carisma è chiaro quindi    dal primo istante, dopo ne seguiranno molti, per la figlia preferita del filosofo,economista,giornalista,politologo e molto altro che cambiò il mondo nei decenni successivi alla sua morte teorizzando quel movimento noto come comunismo.     

 

In un film, costruito sulle contraddizioni della sua protagonista, ancora più evidenti se viste con gli occhi di oggi, ma ben evidenti anche a quelli di un’élite borghese se non nobile, con case ben arredate, lei vuole guidare il popolo definendolo proletariato e dicendogli cosa avrebbe dovuto fare. Una battaglia, quella socialista, che Eleanor porterà avanti, oltre a un amore per le arti, in particolare la letteratura (fu lei a tradurree per prima Madame Bovary in inglese), e il teatro (la stessa cosa fece per Ibsen). Si cimentò anche con la recitazione, oltre che da drammaturga. Divisa fra le arti e la politica, secondo alcuni ancora capace di cambiare il mondo, per altre vie rispetto alla politica.

 

Nell’ultimo quindicennio di vita di Tussy Susanna Nicchiarelli tenta di “inquadrare”, tra contaminazioni punk-rock della colonna sonora, materiale d’archivio che si alternano alla ricostruzione di ambienti londinesi e atmosfere, grazie ad un ottimo lavoro sulle scenografie sc e i costumi, il biopic di una donna tanto brillante e intelligente,quanto vulnerabile nella sfera affettiva. Romola Garai si impadronisce di un ruolo a lei confacente scivolando ogni tanto, specie verso la fine, in un cupo melodramma. In parte Patrick Kennedy nell'odioso ruolo di Edward Aveling, che nella sua amoralità, contribuisce non poco alla distruzione di una donna di grande valore.

.

 

Romola Garai

Miss Marx (2020): Romola Garai

Romola Garai, Patrick Kennedy

Miss Marx (2020): Romola Garai, Patrick Kennedy

Romola Garai

Miss Marx (2020): Romola Garai

Miss Marx (2020): Trailer ufficiale

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati