Espandi menu
cerca
Criminal Act

Regia di Mark Byers vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post 6
  • Recensioni 1063
  • Playlist 112
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Criminal Act

di Marco Poggi
5 stelle

Catherine Bach, la Daisy Duke di Hazzard che, nei panni una giornalista, assieme alla sua collega va a caccia di un misterioso uomo topo delle fogne. Niente di nuovo, solo un thriller tv da sabato sera, dove il cattivo non è quello che sembra. Si rinnova la formula delle belle giornaliste a caccia di guai, con tanto di sequenze buie d'effetto,

Film del 1989 che ha destato il mio interessse per la presenza di Catherine Bach, la Daisy Duke di "HAZZARD" che, nei panni una giornalista, assieme alla sua collega fotografa, va a caccia di un misterioso uomo ratto addentrandosi nelle fogne. Niente di nuovo, solo un thriller tv da sabato sera, dove il cattivo non è quello che sembra. Si rinnova la formula delle belle giornaliste a caccia di guai, con tanto di sequenze buie e presunti mostr,i da stanare, in stile episodio di Scoody Doo. Buddy-buddy al femminile, salvato solo dall'avvenenza delle due protagoniste, dove compaiono anche Nicholas Guest nei panni di un misterioso bellone, che si contendono le due, Vic Tayback, il rozzo cuoco Mel della sit-com "ALICE" , qui nei panni di un divertente sterminatore di topi,  e John Saxon nei panni di un sarcastico editore di giornale. Sono passati alcuni anni  dalla stupefacente Daisy Duke in hot pants, ma  la bellezza di Catherine Bach non è ancora sfiorita e, quindi, pure nei panni della giornalista gagliarda, tosta ed esperta di karate, (anche se passa più a prenderle che a darle - eh, bella la vita, quando a salvarti la vita c'erano Bo e Luke,non è vero, Catherine?- ) fa la sua bella figura. Anche la sua collega, Chatrlene Dallas è brava nel ruolo ruolo di fotografa scopri indizi, benché, rispetto a Catherine, è solo una damigella in pericolo, che urla spaventata. Non mancano le scene di bondage, il nano chiacchierone e nemmeno il gigante pelato e baffuto Rick Zumalt,  visto in "OVER THE TOP" e in "BATMAN, IL RITORNO". Il film è brutto, ma ci sono le due belle (e che belle!) che fanno alzare l'asticella del grafimento. Conosciuto pure col titolo "TUNNELS"..

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati