Espandi menu
cerca
Enola Holmes

Regia di Harry Bradbeer vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Barone Cefalu

Barone Cefalu

Iscritto dal 31 ottobre 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 3
  • Recensioni 81
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Enola Holmes

di Barone Cefalu
2 stelle

Enola Holmes è un'operetta buffa ultra leggera e spesso superficiale, contornata da bravi attori tutti sopra le righe come chiesto da questo tipo di rappresentazione. Una caccia al tesoro ed un caso da risolvere per un pubblico di giovanissimi, trattati da stupidi sia chiaro, magari anche con sindrome da disattenzione e dalla noia facile, quindi stimolabili dal ritmo a volte frammentario e rapido, ed a volte estenuante e piatto dei dialoghi. Una sceneggiatura scritta più con emoticon che con frasi compiute.

 

Enola Holmes è letteralmente un prodotto cool, trend, figo tutto Netflix, corretto, che fa sembrare Piramide di paura del buon Barry Levinson, Quarto potere. Quel che infastidisce di più lungo tutto il film è l'attitudine e l'arroganza dei personaggi: non c'è mai un momento di fragilità, di cambiamento dei toni ma si avverte una pianificazione machiavellica dove la giovane Sherlock riesce ad ammiccare al pubblico anche quando è quasi in fin di vita. Rassicurare è l'imperativo.

 

Quante cose sono cambiate dai teen movies di una volta, quando appunto i teenager venivano trattati da persone abbastanza mature e non consumatori di un prodotto. Basti pensare ai film Disney di Stevenson, da Pomi d'ottone e manici di scopa a Mary Poppins passando dalla saga di Herbie, per esempio, o dai film per giovani degli anni '80, come il già citato Piramide di paura, dove ancora il brainwashing targato Netflix/Disney nuovo millennio (qualcuno ha detto Mulan?) era ancora una macabra fantasia Orwelliana.

 

Bravi gli attori ma bidimensionali, come la fotografia, le luci e saturazione dei colori, con un abuso smodato e fastidioso dello "sguardo in macchina" da parte della protagonista che di fatto impedisce qualsiasi empatia e complicità negli eventi, ma relegando la rappresentazione a videogame passivo dove non è possibile interagire se non coi tasti play e stop (consiglio quest'ultimo).

Enola Holmes, in una storia dove sentimenti usa e getta fanno da sfondo a misteri da parole crociate facilitate, rappresenta la volontà assolutamente consumistica ed irrispettosa nei confronti del pubblico, da condannare nel "cinema" a qualsiasi livello.

Per la trama rimando alla scheda del film.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati