Espandi menu
cerca
Sotto lo zero

Regia di Lluís Quílez vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 284
  • Post 188
  • Recensioni 5074
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sotto lo zero

di alan smithee
4 stelle

NETFLIX

Martin prende servizio presso un nuovo distretto cittadino di polizia, ed il suo primo incarico si rivela, per quanto routinario, già piuttosto impegnativo, dovendo far parte della piccola squadra prescelta per trasferire alcuni detenuti presso un nuovo carcere.

Nella notte del trasferimento, contraddistinta da temperature assai rigide, nell'attraversare un tratto isolato ed innevato, il furgone e la macchina della polizia he lo precede, rimangono vittime di un agguato perpetrato da un misterioso uomo che intende prelevare in particolare uno dei detenuti, lasciando liberi gli altri di fuggire.

Sarà proprio Martin, unico sopravvissuto tra le forze dell'ordine a seguito della ben congeniata trappola, a cercare di difendere la cella blindata dall'attacco dello sconosciuto, che si rivelerà un nemico assai pericoloso, motivato nel suo agire, da solide motivazioni di vendetta per un tragico episodio in cui rimase coinvolto un suo caro.

Diretto da uno specialista della suspence come lo spagnolo Lluis Quilez, Sotto lo zero sfrutta meglio che può il contesto invernale e rigido che già appare in rilievo nel titolo, e porta avanti la sua vicenda tesa e concitata dando vita ad almeno una prima mezz'ora piuttosto valida.

Poi, man mano che i personaggi vengono definiti nei particolari, ci si accorge che la scrittura e la definizione dei comprimari risulta afflitta da troppi luoghi comuni e banalità che trasformano il thriller in un prodotto meno che medio, quasi di fattura televisiva, in cui la sfumatura intima che muove i principali personaggi coinvolti, risulta prevedibile e incastrata in cliché di vendetta davvero troppo primari, spinti a giustificare tutto un piano d'azione assurdo e sin avveniristico, oltre che fortemente autolesionista da parte dell'autore del diabolico progetto di vendetta.

Il cast raggruppa attori non molto noti qui da noi, tra cui si segnala un coerente Javier Gutierreza nel ruolo del pacato ma tutt'altro che arrendevole protagonista Martin.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati