Espandi menu
cerca
Stringimi forte

Regia di Mathieu Amalric vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 295
  • Post 204
  • Recensioni 5722
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Stringimi forte

di alan smithee
7 stelle

locandina

Stringimi forte (2021): locandina

FESTIVAL DI CANNES 74 - SÉLECTION OFFICIELLE : CANNES PREMIÈRE

 Clarisse scappa furtivamente da casa: dà uno sguardo ai bambini che dormono,raccoglie l'essenziale in una borsa ed esce nella sua vecchia ma robusta auto familiare.

Tempo di salutare l'amica benzinaia che saggiamente le controlla i livelli del motore e parte.

A casa bambini e marito la cercano, la attendono invano, suonano il piano e si disperano mantenendo tuttavia una parvenza di controllata dignità.

Ma Clarisse, che di mestiere fa la traduttrice e la guida, e si ritrova talvolta a gestire crisi di panico che la rendono instabile, la ritroviamo dopo un po' nei pressi di un rifugio sui Pirenei, in attesa di un disgelo svelatore che possa dare risposta alla sua attesa snervante.

Vicky Krieps

Stringimi forte (2021): Vicky Krieps

Vicky Krieps

Stringimi forte (2021): Vicky Krieps

Vicky Krieps

Stringimi forte (2021): Vicky Krieps

Lo spettatore intuisce poco per volta, fino a che il sospetto diviene triste, spietata realtà e tutto torna ad avere un motivo.

Da una pièce teatrale di Claudine Galea, Mathieu Amalric ricava il suo ottavo e sofferto film da regista, particolarmente messo alla prova dalla pandemia che ne ha ritardato gestazione e messa in scena.

Il bravo attore e regista francese ricava dalla pièce un film duro ma anche pietoso e delicato sul lutto e sulla gestazione del dolore, che si rivela moto riuscito e toccante, grazie anche alla splendida interpretazione della lanciatissima e ormai onnipresente ai festival Vicky Krieps: la sua Clarisse è un concentrato di sentimenti convergenti e contrastanti tra impossibilità di accettare la dura realtà e il bisogno di rifugiarsi tra le pieghe confortevoli del ricordo più vivido e caro che riesce ad andare oltre la drammatica realtà dei fatti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati