Espandi menu
cerca
Lacci

Regia di Daniele Luchetti vedi scheda film

Commenti brevi
  • Lo stato di salute di una famiglia tratteggiata lungo trent'anni di vita. A dimostrare che i lacci che tengono unite le esistenze di ognuno possono essere più resistenti dell'amore che è da tempo che non c'è più. Dalla penna di Domenico Starnone, una bella sceneggiatura di base che però non sempre riesce a tramutarsi in adeguate soluzioni visive.

    commento di Peppe Comune
  • Drammone familiare ... nulla di speciale nella trama semplice e come tante altre storie vere di vita vissuta. Raccontata senza moralismi. Film girato bene e interpretato in maniera eccellente. Giganteggia Laura Morante. La bellissima Giovanna Mezzogiorno è irriconoscibile. Voto: 6

    commento di GARIBALDI1975
  • “Abbiamo vissuto nel disastro.”

    leggi la recensione completa di mck
  • Lodevole descrivere il crollo di una famiglia ma seguire l'invecchiamento dei protagonisti con attori diversi e usare i flashback di continuo mi ha provocato una confusione quasi totale.Troppi incastri.quasi bocciato.

    commento di ezio
  • Ancora un film tratto da un libro di Starnone?! Ancora le "Variazioni Golberg" per colonna sonora?!? Questa generazione di autori italiani mi ha davvero stufato. Aggiungo: recitazione lasciata spesso "incorretta", forse per dar spazio alla genuinità. Ma tendo a credere che sia per l'imbolsita gloria su cui si sono seduti questi signori. Cambiare!

    commento di leporello
  • Bello come il romanzo

    commento di nds
  • Il miglior Lucchetti

    leggi la recensione completa di CristianoSalmaso
  • ANATOMIA DI UN MATRIMONIO Lacci come legami. Oppure come drammi di esistenza, generata da genitori dediti all'egoismo, all'indecisione, alla mancanza di dialogo alla bassa consapevolezza o ai reciproci dispetti, interferenze, una volta che l'amore finisce. Sbagli che, come cascate del Niagara,

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Curioso: se si eccettua Orlando, un film ambientato a Napoli senza attori napoletani..

    commento di maurri 63