Espandi menu
cerca
Grano rosso sangue

Regia di Fritz Kiersch vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 33
  • Post -
  • Recensioni 1815
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Grano rosso sangue

di Furetto60
7 stelle

Buon prodotto horror, sottovalutato da pubblico e critica.

Percorrendo una strada provinciale,in un viaggio di lavoro nel Nebraska, Burt, un giovane medico in compagnia della fidanzata, Vicki,investe un ragazzo,scoprendo poi che in realtà era gia morto prima,ucciso a coltellate.Nella sconfinata pianura coltivata a "mais",non c'è però traccia di chicchessia. Sulla scorta di confuse indicazioni del gestore di una pompa di benzina, la coppia arriva attraverso i campi ad una desolata e apparentemente  vuota cittadina,quella di Gatlin,entreranno a poco a poco,in un  vero e proprio  incubo.

Tra i numerosi film tratti dai romanzi  di Stehen King, questo è sicuramente uno dei meno conosciuti e anche meno apprezzati,peraltro non vanta molti  passaggi televisivi.Peccato perchè è invece un piccolo gioiello che andrebbe riscoperto e valorizzato.Le distese  di grano di cui al titolo,sono rappresentate efficacemente e suggestivamente, grazie ad una tecnica di ripresa con  campi lunghi,come luoghi  minacciosi ed allusivi, che trasmettono grande inquietudine, insieme  alle atmosfere rarefatte, che avvolgono i protagonisti e il senso di straniamento,che li attanaglia, coinvolgendo emotivamente gli spettatori.

Scioccante  la  sequenza dell'omicidio di massa, con inquadrature ravvicinate ed estremamente dettagliate,in virtù di un montaggio serrato e con l'uso dell'effetto zoom,che già Mario Bava aveva anticipato qualche anno prima.

Già l'arrivo nella città deserta è  molto inquietante e lancia i segnali  premonitori dell'orrore che seguirà di li a poco.Altro elemento di forte carica emotiva è l'atteggiamento dei ragazzini assatanati e assassini, che porta alla memoria,i  bimbi di origine extraterrestre del "villaggio dei dannati"Agiscono come loro,in "trance" in preda ad una fanatica e cieca furia omicida,guidati dal loro leader spirituale,Isac. 

Il regista  Kiersch riesce a raggiungere picchi di tensione elevatissima,con tanti richiami a precedenti horror,oltre ai soliti ma efficaci tocchi hitchcockiani, senza effetti speciali,ma puntando sul clima di pervasivo terrore, che si sviluppa mano a mano. 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati