Espandi menu
cerca
The French Dispatch

Regia di Wes Anderson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ange88

ange88

Iscritto dal 17 agosto 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 33
  • Post 2
  • Recensioni 188
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The French Dispatch

di ange88
8 stelle

 

La prima cosa da dire su questo The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun è che ci troviamo di fronte alla quintessenza del cinema di Wes Anderson.
Tutti gli elementi, sia tecnici che stilistici che hanno caratterizzato le sue pellicole fino ad oggi vengono inglobate ed esasperate (nel senso buono del termine) all’interno di questa sua ultima fatica: il giocare con l’aspect ratio, le scelte sceniche, le simmetrie, sia scenografiche che nella costruzione delle inquadrature, colori, regia, il peculiare umorismo, fotografia e perfino l’animazione.

 

locandina

The French Dispatch (2020): locandina

 

La regia quindi si avvale di uno studio minuzioso del posizionamento di ogni componente in scena, dai props agli attori e coadiuvato dal fidato DoP Robert Yoman Anderson va a creare per ogni singola inquadratura un mosaico perfetto nell’astratto mondo da lui concepito.
Tecnicamente il movimento della MdP più evidente sono le carrellate.Queste variano dalle più “statiche” a quelle più “dinamiche” utilizzando poi una peculiare frontale rispetto alla scena in corso. L’uso della "panoramica a schiaffo" è meno presente rispetto alle opere precedenti prediligendo più zoom-in e zoom-out.

 

scena

The French Dispatch (2020): scena

 

Lo stesso Anderson definisce il suo film: "una lettera d'amore nei confronti dei giornalisti, ambientata nella sede di una rivista statunitense in una città francese del XX secolo”. Partendo da questo preconcetto costruisce un sceneggiatura (da un soggetto a 8 mani con Roman CoppolaHugo GuinnessJason Schwartzman) che narra quattro storie ambientate nella città fittizia di Ennui-sur-Blasé.Un film a episodi dove ognuno è riconducibile ad un proprio stile così come ogni scrittoregiornalista ha il suo.

E come filo conduttore tra tutto vi è la solitudine: fisica, mentale,sociale o artistica e dalla quale ogni protagonista,a modo suo, cerca di fuggire o in qualche modo di rifugiarsi.

Oltre a come già detto essere “una lettera d'amore nei confronti dei giornalisti” vi è anche un omaggio al cinema francese, dagli anni ’30 alla Nouvelle Vague.

 

Hippolyte Girardot, Stephen Park, Jeffrey Wright, Mathieu Amalric

The French Dispatch (2020): Hippolyte Girardot, Stephen Park, Jeffrey Wright, Mathieu Amalric

 

Indubbio ormai che Anderson sia tra i cineasti più originali del suo tempo o meglio ad avere una cifra stilistica perfettamente definita e unica, ma questo di conseguenza porta, nonostante elementi oggettivi ottimi, ad una soggettiva polarizzazione del giudizio finale.

Personalmente  in modo positivo.
Voto:8.5

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati