Espandi menu
cerca
Sul più bello

Regia di Alice Filippi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 276
  • Post 184
  • Recensioni 4828
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sul più bello

di alan smithee
3 stelle

locandina

Sul più bello (2020): locandina

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 – ALICE NELLA CITTA'

All'inizio, o quasi, c'è stato Love Story di Arthur Hiller, poi tutto un filone , che ha vissuto una sua tardiva rinascita con i drammi sentimental-giovanilistici con malattia che ormai ogni anni, quasi sempre ad inizio stagione, affliggono gli schermi, peraltro richiamando a frotte un pubblico adolescenziale sconsideratamente disposto, anzi bisognoso, di abboccare all'offerta. Perle tipo Colpa delle stelle, The last song, Endless e altri che non voglio o riesco proprio a ricordare)

"Sul più bello" e chi ha deciso di scriverlo, produrlo e dirigerlo, se ne rende ben conto, e, proprio per questo, prova in qualche modo furbescamente e brillantemente a prendere le distanze da tutta questa pseudo letteratura cinematografica che lo precede, giocando d'anticipo, dichiarando sin dall'inizio ciò che potrebbe vedersi in un simile film americano dedicato all'amore contrastato e tutto in salita di una ragazzina non proprio attraente, il solito brutto anatroccolo o bruco che mai diventerà farfalla, con non pochi problemi di salute e di famiglia, ma anche una gran voglia di vivere e di reagire.

Ludovica Francesconi, Jozef Gjura, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale, Giuseppe Maggio

Sul più bello (2020): Ludovica Francesconi, Jozef Gjura, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale, Giuseppe Maggio

Ludovica Francesconi

Sul più bello (2020): Ludovica Francesconi

Non mancano poi gli amici-sostituto della famiglia che scelgono di vivere nella grande casa che la giovane ha ereditato dai genitori prematuramente scomparsi; il datore di lavoro umano che permette alla protagonista di trasformare un lavoro di routine e monocorde, nella più creativa delle mansioni; e poi lui, l'uomo bello che sa di esserlo, arrogante, sprezzante, che agisce per tenerezza e senso di pietà, salvo poi innamorarsi perdutamente.

Ecco allora che il film non solo si riallinea ai percorsi ormai scavati da tanto cinema superficiale tutto sentimenti epidermici e brividi giovanili facili da aizzare e provocare da cui inizialmente aveva l'ardire di prendere le distanze, ma finisce per scimmiottarne le dinamiche, trasformando il tutto in una riproposizione insulsa e stomachevole della solita storiella del brutto anatroccolo e del principe, divisi dalla sorte, ma uniti dall'amore. Un vero pasticcio tra stucco e caramello e cliché ormai non più riproponbili.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati