Espandi menu
cerca
Undine - Un amore per sempre

Regia di Christian Petzold vedi scheda film

Recensioni

L'autore

port cros

port cros

Iscritto dall'8 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 34
  • Post 4
  • Recensioni 433
  • Playlist 11
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Undine - Un amore per sempre

di port cros
5 stelle

Un po' freddamente teutonico per un film su una passione amorosa, Undine vanta diverse scene girate con raffinatezza e due protagonisti convincenti, ma non riesce ad evitare l'impressione di opera irrisolta che si accontenta di restare in superficie.

Paula Beer, Franz Rogowski

Undine - Un amore per sempre (2020): Paula Beer, Franz Rogowski

 

Undine, esperta dello sviluppo urbanistico berlinese, viene piantata da Johannes proprio nel bar dei loro incontri, ma incontra subito dopo nello stesso locale il subacqueo Christoph. La loro storia su sviluppa tra slanci affettivi e misteriosi accadimenti che sembrano accompagnare inesorabilmente il destino amoroso della donna.

 

Il film di Christian Petzold si affida per i protagonisti a due volti emergenti tra i più riconoscibili del cinema tedesco degli ultimi anni (Paula Beer e Franz Rogowski, entrambi convincenti) e vanta alcune belle scene di impatto, girate con raffinatezza stilistica e con un bel lavoro nel comprato sonoro: una brusca transizione tra il plastico di Berlino e la realtà, l'inspiegabile rottura dell'acquario con un'ondata sproporzionata che investe i due futuri amanti, alcune sequenze subacquee che coinvolgono un mostruoso pesce gatto nelle profondità limacciose di un lago.

 

Franz Rogowski

Undine - Un amore per sempre (2020): Franz Rogowski

 

Tuttavia, oltre ad una certa freddezza teutonica nell'affrontare la passione, il film sconta dei limiti che trasmettono l'impressione generale di un'opera non completamente risolta, che talvolta si perde in inutili lungaggini (a che serve l'estenuante ripetizione della vista guidata dell'indomani che su richiesta di Christoph siamo costretti a sorbirci pure la sera precedente?), senza sviluppare adeguatamente il tema dell'ambigua natura della sua protagonista. I numerosi elementi soprannaturali presenti nella trama, legati tutti all'acqua ed alla figura di Undine, rimangono però non solo senza spiegazione ma pure senza approfondimento, anche perché il film non ci racconta nulla del passato o delle origini della ragazza, né si sofferma troppo sull'eventuale e probabile travaglio interiore che immaginiamo ella debba vivere. Sarà forse colpa della mia scarsa dimestichezza col mito germanico delle “ondine”, ma questa carenza di contesto, invece di accrescere il senso di mistero mi ha lasciato un'impressione di incompiuto e di indefinito, di un'opera che, per usare le sue stesse immagini, si accontenta di nuotare in superficie invece di immergersi nelle profondità del lago a incontrare il pesce gatto Gunther. Impressione accresciuta dal debole finale: non sapendo come chiudere la vicenda, Petzold tira - o meglio non tira - le fila in maniera abborracciata.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati