Espandi menu
cerca
The Corruptor. Indagine a Chinatown

Regia di James Foley vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 230
  • Post 80
  • Recensioni 6310
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Corruptor. Indagine a Chinatown

di FilmTv Rivista
6 stelle

Chinatown è un mondo a parte. Ha le sue leggi, i suoi padroni, persino i suoi poliziotti. Gente senza scrupoli come Chen (Chow Yun-Fat), che per combattere la mafia emergente utilizza gli stessi metodi dei criminali. Allo stesso tempo, però, sta bene attento a non disturbare troppo il manovratore, vale a dire il vero boss del quartiere, un Richelieu che dispensa dollari e prostitute come fossero biglietti della lotteria. Il nuovo partner dello sbirro ha origini irlandesi, si adatta male al milieu cinese, è onesto ma in fondo corruttibile come gli altri. Dopo alcune prove opache l’indipendente James Foley torna ai livelli dei suoi migliori exploit (“A distanza ravvicinata”, “Americani”), senza lasciarsi troppo coinvolgere dalla moda del poliziesco made in Hong Kong. “The corruptor - Indagine a Chinatown” sembra anzi un film Anni ‘70, quando il braccio violento della legge era davvero irrispettoso delle regole. Un tuffo all’indietro che coincide addirittura con la riscoperta linguistica del tanto vituperato zoom e che offre al divo cinese Chow Yun-Fat il primo ruolo importante della sua nuova carriera americana. Memorabile, nella sua teatralità, il confronto tra Wahlberg e il padre caduto in disgrazia.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 27 del 1999

Autore: Mauro Gervasini

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati