Espandi menu
cerca

Lamb

play

Regia di Valdimar Jóhannsson

Con Noomi Rapace, Hilmir Snaer Gudnason, Björn Hlynur Haraldsson, Ingvar Sigurðsson Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infnity+
In STREAMING

Trama

Maria e Ingvar, una coppia islandese, vive con il loro gregge di pecore in una bella ma isolata fattoria. Quando scoprono un misterioso neonato nei loro terreni, decidono di tenerlo e crescerlo come loro. L'inaspettata prospettiva di una nuova famiglia porta molta gioia nelle loro vite prima di distruggerle per sempre.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Storia/Ispirazione. Da bambino passavo molto tempo nell'allevamento di pecore dei miei nonni. Di conseguenza, agnelli, pecore e montoni sono animali che conosco molto bene. Ho sempre voluto raccontare una storia basata sui racconti popolari, una storia che riflettesse la natura nelle persone e le persone nella natura. Ho iniziato a lavorare su un mood board e un graphic novel da mettere insieme a una storia per farne eventualmente un film. I miei produttori mi hanno presentato nel 2010 lo scrittore Sjon ed è stata una fortuna. Abbiamo cominciato a parlare sulla mia idea e si sono gettate così le basi per ciò che dopo è diventato Lamb. Ha apprezzato le mie fonti di ispirazione, è rimasto affascinato dalle stesse cose che affascinavano me e, lavorando organicamente alla sceneggiatura, abbiamo avuto modo di conoscerci molto bene.

Il cinema è un mezzo audiovisivo che permette di muoverti su più livelli e, durante la fase di scrittura, ci siamo concentrati sul raccontare la storia attraverso immagini e suoni, mantenendo al minimo i dialoghi. Il nostro film deve molto ai racconti popolari islandesi: non a uno in particolare ma a un misto di tanti. Eravamo entrambi interessati a storie che per la loro natura sono per lo più realistiche, anche se poi contengono uno o più elementi assurdi o surreali che non vengono mai affrontati e quindi resi realistici come il resto.

Amore/Perdita. La storia potrebbe appartenere alla vita di chiunque, i momenti di buio così come quelli di gioia sono qualcosa di non molto lontano dall'esperienza di tutti. Per me, il film è prima di ogni cosa una poesia visiva su una perdita dolorosa di fronte alla quale saresti disposto a far di tutto pur di riportare la gioia e la felicità che c'erano prima. Ci sono senso di colpa e rimorso nella vita della coppia composta da Maria e Ingvar, incapaci di superare la loro perdita e il loro dolore. A causa di ciò, sono disposti a cedere a qualcosa che entrambi sanno durerà solo per poco tempo: si tratta di un tentativo per ritrovare quell'equilibrio e quella gioia oramai perduti. Ma, mentre tenta di proteggere la famiglia  da tutte le forze esterne che minacciano la loro nuova ma surreale realtà, Maria sa che tale realtà deve essere vissuta qui e ora con amore e accettazione, fino all'inevitabile fine. Deve vivere tutto al momento, pensandoci a malapena e soprattutto non preoccupandosi per il futuro.

La forza e la determinazione di Maria sono state ispirate da mia nonna, scomparsa da poco. Con mio nonno, portava avanti l'allevamento di pecore e ha avuto cinque figli, tutti nati nell'arco di otto anni. Nella loro fattoria non c'era divisione del lavoro tra uomini e donne. Hanno fatto tutto insieme, dall'aggiustare i macchinari al pulire e cucinare. La vita in fattoria non è stata sempre facile ma mia nonna non avrebbe mai permesso a niente di minare il suo spirito.

Maria ha la sua stessa resilienza. Ha una forza che la rende indistruttibile e che le fa rifiutare l'idea di rinunciare alla vita. E, sebbene l'abbia allontanata dal marito privando la coppia di ogni passione e gioia, la perdita l'ha anche avvicinata a Ingvar.

Naturale/Soprannaturale. Il film è stato girato dentro e intorno a una fattoria nel nord dell'Islanda. Anche gli animali presenti, la fattoria stessa e i suoi dintorni sono personaggi essenziali per la storia. Così come le stagioni, ognuna con la propria luce e nebbia, e i due diversi mondi in contrapposizione: quello lussureggiante e vulnerabile degli umani nella fattoria e quello mitico e sconosciuto degli aspri altopiani, dove la natura non deve essere controllata o ingannata.

Il mio direttore della fotografia Eli Arensson e io abbiamo studiato attentamente la luce naturale disponibile per le scene in esterno e l'abbiamo sfruttata al meglio. Anche le scene in interno sono state illuminate nella maniera più naturale possibile. Io, i miei produttori e lo scenografo Snorri Freyer abbiamo trascorso più di un anno a cercare la location giusta. Abbiamo girato l'isola per ben due volte e visitato ogni fattoria d'Islanda.

Anche dopo aver trovato la fattoria Flaga nel nord dell'Islanda, ero scettico. Era disabitata da vent'anni e c'era da faticare molto per trasformarla nel posto che avevo in mente per i miei personaggi. Sono piuttosto specifico per quanto riguarda forme, direzioni, colori e layout, quindi c'è voluto del tempo prima che potessimo girare. A due settimane dalle riprese, finalmente il posto era diventato perfetto per essere la casa dei miei protagonisti. Il magico paesaggio e l'isolamento della fattoria erano il luogo perfetto per le riprese e il film.

Senza la natura, l'umanità non esiste. Nella mia testa, la natura non è solo ciò che vediamo ma anche ciò che sentiamo e, quindi, è strettamente connessa con il soprannaturale. La natura non può essere prevista o controllata e noi umani siamo piuttosto fragili, deboli e dipendenti, come abbiamo avuto modo di sperimentare nel 2020. Siamo sempre soggetti a forze esterne al nostro controllo, nella realtà quotidiana così come nel soprannaturale. La perdita e la tragedia sono sempre dietro l'angolo. In un mondo in cui quasi tutto può essere controllato, non dobbiamo dimenticare che non possiamo combattere contro la natura e che non possiamo scappare dal nostro destino".

Commenti (4) vedi tutti

  • Insignificante pagliacciata onirica eccessivamente prolissa ma con colpi di scena che riescono a non farti addormentare.

    commento di gruvieraz
  • "Lamb" è un film che vive di ellissi narrative pronunciate e di silenti pulsioni dell'animo. La felicità ritrovata di Maria e Ingvar è un dono troppo bello per non essere accettato in qualsiasi modo decida di manifestarsi. Un horror molto sui generis insomma, intriso di un mistero insondabile e illuminato dal chiarore perenne del cielo d'Islanda.

    commento di Peppe Comune
  • Ecce Agnus.

    leggi la recensione completa di mck
  • Una favola dai tratti metaforici contro i misteri della natura.

    leggi la recensione completa di ezio
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ezio di ezio
8 stelle

In mezzo a una natura che respine ai margini del nulla nella campagna islandese,c'e' una fattoria dove vive una giovane coppia ( Rapace e Guonason) che non riescono ad avere figli e si trovano ai limiti di una crisi matrimoniale.Ma un giorno avviene un miracolo ,una delle pecore della fattoria partorisce un cucciolo ,ma questo animale e ben diverso dagli altri come una sorta di ibrido simile a… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

leporello di leporello
5 stelle

   Leggo “trama e curiosità - la parola al regista” fornite da FilmTv. Mi permetto una rettifica alla trama: Maria (Noomi Rapace sarà sempre tra le mie attrici preferite) e Ingvar (Hilmir Snær Guðnason, pessima prova per lui, che tenta di nascondere dietro imbarazza(n)ti sorrisini il non aver capito, lui per primo, chi o cosa stia interpretando) non… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
3 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - UN CERTAIN REGARD: PREMIO ORIGINALITÀ  "-Ma che cazzo è? -Felicità." Una coppia di allevatori di pecore islandesi riesce a coronare il desiderio di essere genitori grazie ad un parto molto particolare, che li scompone un po', ma non più di tanto, e i cui dettagli è bene restino appannaggio della vicenda, che si aggrappa come… leggi tutto

1 recensioni negative

2022
2022

Tutti i Noomi...

mck di mck

Da un nom de plume (Margherita Diamante) per (nella finzione cinematografica) il porno (nota a margine: mettere in cantiere una mini-playlist di almeno 5 titoli mainstream su Sibel Kekilli) a un alter ego forse sin…

leggi tutto

Recensione

mck di mck
8 stelle

  Il dio proteiforme a guisa di eiaculante roccia sfinterica si staglia sulla soglia in attesa dell'alba di domani...      Non v’è tracci’alcuna dell’ombra frondosa d’Yggdrasill, il patibolare Albero Cosmico del Mondo: sin dove può perdersi lo sguardo, solo sterminati pascoli d’erba magra titillano i conici fotorecettori…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 28 marzo 2022
locandina
Foto

Recensione

ezio di ezio
8 stelle

In mezzo a una natura che respine ai margini del nulla nella campagna islandese,c'e' una fattoria dove vive una giovane coppia ( Rapace e Guonason) che non riescono ad avere figli e si trovano ai limiti di una crisi matrimoniale.Ma un giorno avviene un miracolo ,una delle pecore della fattoria partorisce un cucciolo ,ma questo animale e ben diverso dagli altri come una sorta di ibrido simile a…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
3 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - UN CERTAIN REGARD: PREMIO ORIGINALITÀ  "-Ma che cazzo è? -Felicità." Una coppia di allevatori di pecore islandesi riesce a coronare il desiderio di essere genitori grazie ad un parto molto particolare, che li scompone un po', ma non più di tanto, e i cui dettagli è bene restino appannaggio della vicenda, che si aggrappa come…

leggi tutto
2021
2021

Recensione

leporello di leporello
5 stelle

   Leggo “trama e curiosità - la parola al regista” fornite da FilmTv. Mi permetto una rettifica alla trama: Maria (Noomi Rapace sarà sempre tra le mie attrici preferite) e Ingvar (Hilmir Snær Guðnason, pessima prova per lui, che tenta di nascondere dietro imbarazza(n)ti sorrisini il non aver capito, lui per primo, chi o cosa stia interpretando) non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
locandina
Foto
Noomi Rapace, Hilmir Snaer Gudnason
Foto
2020
2020
Noomi Rapace
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito