Espandi menu
cerca
I Carry You with Me

Regia di Heidi Ewing vedi scheda film

Recensioni

L'autore

port cros

port cros

Iscritto dall'8 settembre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 36
  • Post 4
  • Recensioni 441
  • Playlist 11
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su I Carry You with Me

di port cros
7 stelle
15ma Festa del Cinema di Roma 2020
 
La documentarista statunitense Heidi Ewing al suo primo film di finzione racconta la storia incredibile - sembra sceneggiata apposta per un film - di una coppia di amici. Utilizzando al meglio la tecnica documentaristica affinata in tante opere, il suo primo lungometraggio mescola con efficacia realismo e fantasia, crudezza e sentimento. 
Le difficoltà incontrate da una coppia gay - Iván e Gerardo - nella provincia del Messico ancora conservatore e machista degli anni 90. Gerardo, di professione insegnate, sebbene segnato dai traumi dell'infanzia con un padre violento, sembra accettare con più serenità la propria identità. Invece Iván, aspirante cuoco, non è dichiarato ed ha un figlio che ha timore di perdere se l'ex moglie venisse a conoscenza della sua sessualità.
 

Armando Espitia, Christian Vazquez

I Carry You with Me (2020): Armando Espitia, Christian Vazquez

 
Tante difficoltà che pensa di superare con l'emigrazione- obbligatoriamente clandestina - negli USA. Oltre il rischio di perdere la vita nel corso del periglioso attraversamento del confine,  Iván dovrà sperimentare la durezza della vita da migrante illegale, di nuovo, per un diverso motivo, costretto a nascondersi. Gli Stati Uniti daranno comunque a Iván l'effettiva possibilità di raggiungere il successo lavorativo,  aprendo diversi ristoranti a New York che danno lavoro a oltre ottanta dipendenti. Ma non l'opportunità di regolarizzare la sua residenza,  in virtù della sua origine fuori legge che non può essere sanata. Il cuoco riesce a farsi raggiungere da Gerardo a New York, ma la sua condizione continua a separarlo dal figlio, non potendo rientrare in Messico,  col rischio di non essere più ammesso negli USA.
La parte finale,  ambientata ai nostri giorni,  ha l'impronta dell'esperienza da documentarista dell'autrice, che mette davanti alla macchina da presa i veri Iván e Gerardo nel ruolo di sé stessi, e l'opera da fiction diventa più simile ad un documentario, con un'interessante ibridazione di generi.
Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati