Espandi menu
cerca
L'ombra delle spie

Regia di Dominic Cooke vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 277
  • Post 184
  • Recensioni 4833
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'ombra delle spie

di alan smithee
6 stelle

Benedict Cumberbatch, Merab Ninidze

L'ombra delle spie (2020): Benedict Cumberbatch, Merab Ninidze

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 - SELEZIONE UFFICIALE

Ecco come a un uomo qualunque, di professione rappresentante di commercio attivo nell'Est europeo, è stato possibile trasformarsi, suo malgrado, ed in un'epoca di piena tensione da Guerra Fredda, nella più importante spia britannica al servizio di una sorta di joint venture che si creò, in quei foschi anni, tra l'agenzia di spionaggio britannica MI-6 e la CIA.

La sua collaborazione con l'ufficiale sovietico Oleg Pekovsky, spia al soldo dell'Occidente impegnato a fornire informazioni cruciali per sventare quel secondo scoppio nucleare dato all'epoca come per inevitabile ed imminente, fu basilare e necessaria per scongiurare la fine.

Benedict Cumberbatch

L'ombra delle spie (2020): Benedict Cumberbatch

La pagò carissima, Greville Wynnein, questo il suo nome. Una pena durissima in termini di detenzione nelle prigioni russe; ma la pagò ancor più duramente, addirittura con la vita, il suo collega russo, col quale il nostro uomo ebbe modo di sviluppare anche una sincera, condivisa oltre che cruciale, amicizia.

Il film di Dominike Cooke, regista del più che dignitoso Chesil Beach tratto da Roth, ci racconta in modo ben scandito e chiaro una vicenda complessa, che nel film riesce a esplicitarsi senza eccessiva farraginosita', spesso parte essenziale del genere dedicato alle spy stories.

scena

L'ombra delle spie (2020): scena

La narrazione, liberamente tratta da un fatto realmente accaduto, sconfina a volte in qualche eccesso di enfasi, ma in fin dei conti il plot funziona, grazie anche ad un buon cast ove primeggia una star di primo rango come Benedict Cumberbatch, sottoposto, per ragioni di racconto, ad un dimagrimento più che evidente e dagli effetti sorprendenti, atti a rimarcarne la serietà professionale della celebre star.

Lo affiancano, tra gli altri, il bravo Merab Ninidze nel ruolo del traditore russo che sogna l'Occidente per sé e la propria famiglia, e l'emergente validissima Jessie Buckley, recentemente apprezzata nel notevole "Sto pensando di finirla qui", di Charlie Kaufman.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati