Espandi menu
cerca

Trama

Una vedova scopre pian piano gli aberranti segreti che custodiva il marito da poco morto.

Approfondimento

THE NIGHT HOUSE - LA CASA OSCURA: DA SOLA, IN UNA CASA NEMICA

Diretto da David Bruckner e sceneggiato da Ben Collins e Luke Piotrowski, The Night House - La casa oscura racconta la storia di Beth, una donna che, scossa dalla morte inaspettata del marito, rimane da sola nella casa sul lago che l'uomo ha costruito per lei. Beth fa del suo meglio per andare avanti ma presto arrivano gli incubi: visioni inquietanti comincia a chiamarla e, nonostante il parere contrario di chi le vuole bene, comincia a scavare nelle cose del marito andando in cerca di risposte. Quello che scopre sono però segreti tanto strani quanto inquietanti che la spingono a svelare uno spettrale mistero.

Con la direzione della fotografia di Elisha Christian, le scenografie di Kathrin Eder, i costumi di Samantha Hawkins e le musiche di Ben Lovett, The Night House - La casa oscura è un inquietante thriller soprannaturale e un'agghiacciante storia di fantasmi che affronta temi come il dolore, la depressione, l'autodistruzione e la sacralità delle relazioni. Ha sottolineato il regista stesso: "Il mio film è sia una storia di fantasmi con sfumature di romanticismo gotico sia il ritratto di un matrimonio profondamente travagliato. Si tratta di una storia misteriosa e straziante di disfacimento, un labirinto in cui entri a tuo rischio e pericolo. La sceneggiatura mi ha sconvolto e non ho potuto non realizzare il film. Mentre cercavo di ordinare i conflitti e le metafore, di scavare nei meccanismi nella storia e di capire quali sarebbero state le mie responsabilità come regista, mi perdevo continuamente nei labirinti della narrazione, tanto caotica quanto eccitante".

"In superficie, c'era un mistero avvincente sul marito di una donna da poco deceduto e su quanto conosciamo in fondo coloro che amiamo", ha proseguito Bruckner. "C'era l'imbarazzo del dolore e le responsabilità che abbiamo l'uno per l'altro quando si vivono momenti di profondo pericolo emotivo. E, naturalmente, c'era la storia dei fantasmi. Da qualunque lato approcciassi la storia, rimaneva l'irrequietezza come caratteristica comune. La si trova anche nella protagonista Beth: spesso mi mettevo nei suoi panni cercando di capire il suo desiderio di arrivare alla verità e mi sembrava come guardare qualcuno a cui tenevo barcollare sul bordo di una scogliera. Spesso mi sono lasciato guidare dall'istinto sul set, non sapendo cosa avrebbe fatto Beth dopo. Tutto è come un labirinto in cui entri e da cui difficilmente trovi la via d'uscita, con all'interno alcune verità oscure e silenziose che non potevo ignorare. Tensione, dislocazione e inquietudine profonda occupano tutto".

"The Night House - La casa oscura semina continuamente indizi sinistri", ha concluso il regista. "Una nota di suicidio indecifrabile, più foto di donne sconosciute, progetti architettonici invertici e una scultura inquietante trovata in un luogo segreto sono soltanto alcuni di essi. Penso al film come a una storia di fantasmi decostruita. C'è un'atmosfera inquietante che potremmo aspettarci per via del genere. Ma spesso è il risultato delle azioni di Beth che, piuttosto che scappare, scava a fondo per cercare ciò che la spaventa, sovvertendo ogni aspettativa: del resto, quella è casa sua".

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

Elementi di mitologia

Sebbene la mitologia presente in The Night House - La casa oscura sia frutto della fantasia degli sceneggiatori Collins e Piotrowski, ci sono riferimenti a elementi reali e in particolar modo ai labirinti gallesi e a una bambola voodoo egiziana del IV secolo d.C., attualmente custodita al Louvre.

I pastori gallesi costruirono semplici labirinti chiamati "Caerdroia" sulle cime delle colline per eseguire danze rituali. Caerdroia si traduce letteralmente in "Mura di Troia", facendo riferimento ala città del mito greco le cui strade permettevano al nemico di entrare facilmente in città ma che pian piano diventavano talmente complesse e intrecciate da non permettergli più di trovare la via d'uscita. "Tale aspetto - ha sottolineato Piotrowski - si adattava perfettamente all'immagine della planimetria al contrario, un concetto che volevamo incorporare nella storia sin dall'inizio. I labirinti erbosi servivano come mezzo unico e tangibile per creare incantesimi".

"Sapevamo che Owen, il marito di Beth, avesse tentato una sorta di "incantesimo vincolante" per contenere le forze del male", ha proseguito lo sceneggiatore. "Alcune ricerche ci hanno fatto scoprire la bambola voodoo del Louvre, una donna di argilla trafitta da 13 spilli. L'abbiamo trovata perfetta: dopotutto, Beth è una donna trafitta da dubbi e paure. Alla fine tutto sembra assumere un aspetto ironico: un labirinto costruito per ingannare le forze del male si trasforma in qualcosa che confonde la protagonista. Lo spazio familiare diventa un incubo: ciò che Owen ha costruito per disorientare ciò che lo perseguitava finisce per far perdere Beth nella stessa casa che ha realizzato per lei".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere The Night House - La casa oscura è David Bruckner, regista e sceneggiatore americano. Il suo debutto come regista risale al 2007 quando ha presentato al Sundance The Signal, un mix di fantascienza e horror firmato con altri due registi in cui si esplorava il tema della paranoia nei mass media prodotto… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Film ben realizzato, sulla base di una stravolgente sceneggiatura che sembra trarre spunto da Final destination e L'uomo invisibile. Criptico, cerebrale, sulfureo: farà la gioia di chi, in un'opera "drammatica", cerca domande più che risposte.

    leggi la recensione completa di undying
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

undying di undying
7 stelle

    Beth (Rebecca Hall) è in crisi per aver perso tragicamente il marito, morto suicida. Ma al dolore per la perdita si aggiunge l'angoscia di un'esperienza terrificante: scopre sul cellulare del defunto foto di altre donne simili a lei e una notte visita (forse solo in sogno) una casa specularmente identica alla sua, costruita dal coniuge sull'altro lato del lago in… leggi tutto

1 recensioni positive

2021
2021

Recensione

undying di undying
7 stelle

    Beth (Rebecca Hall) è in crisi per aver perso tragicamente il marito, morto suicida. Ma al dolore per la perdita si aggiunge l'angoscia di un'esperienza terrificante: scopre sul cellulare del defunto foto di altre donne simili a lei e una notte visita (forse solo in sogno) una casa specularmente identica alla sua, costruita dal coniuge sull'altro lato del lago in…

leggi tutto
locandina
Foto
Rebecca Hall
Foto
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito