Espandi menu
cerca
Quando la città dorme

Regia di Fritz Lang vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 163
  • Post -
  • Recensioni 2674
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Quando la città dorme

di jonas
8 stelle

Un magnate dell’informazione muore e lascia come erede un figlio debosciato e vanesio, che mette in concorrenza tre giornalisti per il posto di direttore generale del suo impero; sullo sfondo, un serial killer di giovani donne terrorizza la città. Lang, ormai agli sgoccioli della carriera, mostra di avere la mano ancora ben salda e realizza un ottimo film che dietro l’apparenza di genere (il noir metropolitano stile Il grande caldo) parla d’altro: si disinteressa subito della trama gialla (l’assassino si vede fin dalla prima scena e al suo oscuro movente, cioè il rifiuto della madre adottiva, è dedicata solo un’altra scena: per approfondimenti bisognerà aspettare Psyco) e si concentra sulla lotta fra i candidati, che si sbranano fra loro come belve e intanto vengono osservati dall’occhio quasi neutrale di un collega che cerca di tenersi fuori dalla mischia. Ma non basta, anzi sembra che il regista si compiaccia di moltiplicare i motivi di interesse: accenna al tema prediletto dell’interscambiabilità fra colpevole e innocente (il giornale pubblica un volto che dovrebbe appartenere all’assassino e che viene lasciato in bianco), introduce gli intrighi sentimental-lavorativi di tre donne (Ida Lupino, Rhonda Fleming e soprattutto Sally Forrest); addirittura strizza l’occhio a Quarto potere (il magnate si chiama Kyne). Un film che non dà tregua.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati