Trama

Valerio (Antonio Folletto) è un trentenne che sembra essere in grado di vivere la sua vita tentando solo di distruggerla. Carla (Catherine Spaak) è una donna ancora bellissima, un'ex magistrato che inizia a manifestare i primi sintomi di Alzheimer ma con una travolgente voglia di vivere. Valerio e Carla sono due anime tormentate, che trovano in un'inaspettata amicizia la forza di confrontarsi con i dolori e i segreti del proprio passato. Sono entrambi legati ad Anneke (Veruschka), una misteriosa donna. Il loro è il viaggio di due persone anagraficamente tanto lontane, eppure così vicine, nelle emozioni più dolorose che le condurrà a scoprire un nuovo modo di amare.

Approfondimento

LA VACANZA: SCOPRIRE UN NUOVO MODO DI AMARE

Scritto e diretto da Enrico Iannaccone, La vacanza racconta la storia di Valerio, un affascinante trentenne affetto da disturbo bipolare. La sua vita ha un'improvvisa ma positiva svolta quando incontra Carla, una donna matura che manifesta i primi sintomi del morbo di Alzheimer. Sarà così che Valerio e Clara, due anime complesse, finiranno per stringere un legame che darà a entrambi la forza di confrontarsi con il loro passato.

Con la direzione della fotografia di Gianluca Palma, le scenografie di Antonella Di Martino, i costumi di Alessandra Torella e le musiche di Enrico Innaccone e Luigi Scialdone, La vacanza è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Roma 2019: "Il disturbo bipolare da cui è affetto il personaggio di Valerio rappresenta il perno instabile su cui ruota una girandola di rapporti e sentimenti contrastanti, a loro volta condizionati da dolori e incertezze. Se da un lato egli ci sembra essere il protagonista, considerata la sua collocazione all'interno dello svolgimento narrativo, dall'altro, con il susseguirsi degli eventi, ci appare come una figura in balìa di se stessa, destinata unicamente a osservare gli eventi esterni con occhi velati da un dolore personale troppo forte. Gli effetti delle sue azioni, d'altronde, rispondono a dinamiche interiori di involontario (ma forse inevitabile) auto ed eterolesionismo. La malattia che lo affligge fa di lui un individuo in costante lotta con sé e col mondo, capace al contempo di grandi slanci di forza superomistica e di vertiginosi crolli umorali. In lui convivono marmoree certezze e indissolubili dubbi, i cui ruoli, a seconda della condizione psichica del momento, tendono a confondersi spesso. La fine del rapporto con la ex moglie è per lui tanto un motivo di profonda rabbia quanto di incontenibile sofferenza, trattandosi dell'ennesima ed inevitabile circostanza in cui a farla da padrona è stata la sua patologia. Aver rifiutato la proposta di aiuto della donna – oltre a una netta disparità d'intenti nei riguardi dell'eventuale costruzione di una famiglia – è ciò che lo ha reso ancor più solo, dato il conseguente e giustificato allontanamento di lei".

"Il quadro psicologico di Valerio ci appare ancor più chiaro dopo l'incontro con Carla", ha proseguito Iannaccone. "Il suo bisogno di dare e ricevere affetto rappresenta forse la più ardua delle lotte, essendo egli frenato e soffocato da un malessere che impone alla violenza di sbarazzarsi del dolore. Di tutt'altro segno è l’animo di Carla che, nonostante l'età avanzata e le evidenti e progressive carenze neurologiche, ci appare da subito come una donna forte e dallo spiccato umorismo. La dolcezza e la gentilezza d'animo sono l'asse di questo personaggio, in grado di affrontare la vita e le sue naturali avversità con una leggerezza tutt'altro che inconsapevole della realtà dei fatti. Una levità che sconvolge ulteriormente Anneke, la misteriosa donna che ha deciso di incontrare dopo tanti anni. La psicologia di questo personaggio ombroso si manifesta progressivamente nel corso della storia. L'equilibrio manifestato da Anneke, una maestra di yoga attenta e affezionata al suo "paziente" Valerio, manifesta la sua precarietà con lo svolgersi di una narrazione che fa dello svelamento la sua principale caratteristica. Ella ci appare come una donna pacifica e forte al contempo, capace di leggere il dolore del suo giovane amico cercando di aiutarlo, spingendolo ad affrancarsi dalla sua vita fatta di eccessi alcolici. Eppure, con l'arrivo di Carla, il comportamento di Anneke sembra mutare. La sua profonda umanità è ciò che fa di lei una persona parzialmente contraddittoria nel momento in cui è costretta a fare i conti, tramite l'anziana signora italiana che ha deciso di farle visita, con se stessa, con il suo passato e con le sue nuove convinzioni. La maestra di yoga si trova dunque in una difficile condizione: accettare il perdono della persona che, quarant'anni prima, aveva rapito per ragioni politiche. Anneke ha infatti un passato da terrorista che ha fortemente rinnegato in nome di nuovi ideali spirituali. Il perdono di Carla e la sua volontà di incontrarla rappresentano dunque un motivo di crisi, un evento inaspettato che genera in lei un senso di colpa e vergogna e le sottrae definitivamente la possibilità di far pace con se stessa, nonostante ci appaia come una donna sempre pronta a elargire consigli sul corretto modo di vivere la vita e le emozioni".

Ha infine aggiunto: "Il sincero affetto che unisce Valerio e Carla trova le sue radici profonde nel condiviso senso di incomprensione verso e da parte degli "altri", incapaci di relazionarsi con l'amara realtà della malattia. Per questo motivo, nonostante la significativa differenza d'età, tra i due personaggi si instaura un rapporto così schietto e spontaneo da risultare corrotto all'altrui giudizio, sempre pronto a condannare, vincolare e modificare la vita dei terzi secondo la propria egoistica visione dei fatti. Non a caso la psicologia dei personaggi secondari ci appare incoerente anche se ben trincerata dietro atteggiamenti risoluti ai limiti della più elementare arroganza. La funzione dei flashback è infatti quella di mostrare i dolorosi ricordi che, con azione propulsiva, spingono e motivano scelte e comportamenti dei personaggi, inclini al superamento degli errori passati per andare incontro a un futuro costruito con responsabilità e maggior senno. Seppur, troppo spesso, questa maturità non rappresenta altro che l'ennesimo, debole scudo dietro il quale ci si nasconde nel tentativo di dare un senso all'assurdità delle inevitabili lotte quotidiane contro i feroci fantasmi del passato e del futuro".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La vacanza è Enrico Iannaccone, regista e compositore napoletano. Nato nel 1989, tra il 2012 e il 2016 ha realizzato 6 cortometraggi, tra cui il vincitore del David di Donatello L'esecuzione. Il suo primo lungometraggio, La buona uscita, è uscito in sala nel 2016. La vacanza è il suo secondo… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - ALICE NELLA CITTÀ - EVENTI SPECIALI - PANORAMA ITALIA Cosa ci fanno due amiche (che poi scopriamo pure essere parenti acquisite) non più giovanissime, in vacanza, apoarentemente spensierate in una località marina del Sud Italia in un fine stagione ormai avviato? E ancor più, che connessione può interagire tra le due e Valerio,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020
Uscito nelle sale italiane il 31 agosto 2020
locandina
Foto
locandina
Foto
2019
2019

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - ALICE NELLA CITTÀ - EVENTI SPECIALI - PANORAMA ITALIA Cosa ci fanno due amiche (che poi scopriamo pure essere parenti acquisite) non più giovanissime, in vacanza, apoarentemente spensierate in una località marina del Sud Italia in un fine stagione ormai avviato? E ancor più, che connessione può interagire tra le due e Valerio,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito