Espandi menu
cerca
L'uomo invisibile

Regia di Leigh Whannell vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GoonieAle

GoonieAle

Iscritto dal 21 giugno 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 6
  • Post -
  • Recensioni 758
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'uomo invisibile

di GoonieAle
4 stelle

Quasi 90 anni dopo la prima pellicola, oltre 120 anni dal libro scritto da H. G. Wells,  torna L’uomo invisibile rileggendo i tempi di oggi, pessimi. Un filmetto risibile quanto è politicamente #metoo, opportunista, corretto, con buona pace di chi sostiene il contrario: il poliziotto di colore buono, la povera donna schiavizzata che tenta di fuggire dall’oppressore fidanzato bianco e cattivo.

 

L’inizio svela già tutto: il malvagio è lui, non se ne conoscono i motivi, e per le due ore, interminabili, il regista mostra inquadrature, movimenti di camera, riprese da buon film horror ma estremamente lunghe, sbagliate nei tempi, sfiancanti, cercando di ottenere tensione, terrore, spavento che non possono esistere, purtroppo, perché oltre ad essere tutto telefonato, chi guarda sa che l’uomo cattivo è lì, invisibile ma visibilissimo, bianco e predatore. Non funziona neanche il sottile filo che separa la ragione dalla follia: non c’è follia, noi lo sappiamo bene quindi, non c’è sorpresa. Un film che sembra sia piaciuto a molti ottenendo voti alti e recensioni entusiastiche, che mi lasciano basito. Ma davvero un film simile può piacere?

 

Finale compiacente e peggiore delle due ore appena viste. Il motivo sta nel personaggio interpretato dalla brava attrice Elisabeth Moss, troppo pompata. Ha uno sguardo allucinato e ci si domanda chi è davvero il fuori di testa tra i due “amanti”!

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati