Espandi menu
cerca
Assandira

Regia di Salvatore Mereu vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 25
  • Post 1
  • Recensioni 407
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Assandira

di tafo
6 stelle

Molto fumo e molta carne ma non sempre ben condita.

Un film che soffoca che non vuole respirare che  vorrebbe raccontare la verità anche se ognuno ha la sua realtà da interpretare. Costantino è la tradizione non vuole cambiare la sua vita ne vedere cambiare i suoi luoghi. Il figlio viene dalla Germania dove ha conosciuto la sua compagna e dove hanno visto la “fame” di turismo e hanno deciso di trasformare il vecchio terreno di famiglia in un agriturismo moderno e folkloristico. Lo scontro generazionale deve portare al convincimento del genitore che infatti dovrà continuare a fare il pastore per dare alla nuova attività una maggiore originalità. Lui ci dovrà essere all’inizio per vedere il figlio contento e lui ci sarà alla fine per vederlo morto. Nel mezzo dovrà accettare la figura ingombrante della nuora tedesca donna libertina più che libera ma decisa a gestire la situazione. Dovrà poi accettare il troppo riguardo per animali per lui poco autoctoni come gli struzzi e il poco riguardo per la cavalla ingravidata per puro spettacolo a favore di pubblico pagante e poi lasciata morire insieme alla prole. Dovrà accettare di dare il seme alla nuora per mancanza di fertilità del figlio per quello che sarebbe stato il nipote per tutti e il figlio solo per lui. Quello che non è riuscito ad accettare è che i suoi familiari possono partecipare a riti orgiastici-pastorali come se questi fossero compresi nella tradizione dell’isola. Il regista non ci fa mai vedere la bellezza estetica sta attaccato al povero Costantino e agli altri attori e ospiti della struttura enfatizzando il suo dramma personale e familiare. Il discorso tra usanze antiche e novità , tra progresso e tradizione viene meno quando ti muore un figlio tra le braccia. La soluzione è più tragica del problema insieme ai sogni dei tuoi parenti vanno in fumo il figlio e il nipotino nascituro. Un giallo minimalista che non convince del tutto pieno di fumo e di pioggia, grigio indeciso come il nostro nel dire subito la verità.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati