Espandi menu
cerca
Rifkin's Festival

Regia di Woody Allen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

LAMPUR

LAMPUR

Iscritto dal 1 novembre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 155
  • Post 9
  • Recensioni 793
  • Playlist 333
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Rifkin's Festival

di LAMPUR
8 stelle

Woody Allen

Rifkin's Festival (2020): Woody Allen

 

Il problema principale, ora, è guardare un altro attore che impersonifica Woody, con i suoi dilemmi, i tic, le pause, le battute, gli ammiccamenti, le faccette. Ma non è lui. Allora tu guardi due film, uno con Vizzini della Storia fantastica, e uno col Woody Allen che ti si agita in mente. “Inconcepibile!”. Eppure avviene. Poi passiamo al film, una spanna sopra le ultime incolori prove, e a volte basta qualche battuta sagace, qualche citazione brillante, anche solo uno scimmiottamento riuscito (come le lenzuola in testa) a far gravitare leggerezza e classe a piani davvero altissimi, e rimani appiccicato alla pellicola, per molti versi scialba e forzata, senza tuttavia poterne uscire, come gli ospiti di bunueliana memoria che non escono di casa, pur volendo.
La coppia Mort e Sue  è troppo palesemente sbilanciata (ha bisogno di queste forzature il Nostro?), e pure la cardiologa, fascinosa ma con gambe stortissime, troppo incasinata. Ma sto descrivendo un semplice contorno. Il succo del film è altro, è nei deliri onirici, nei mille richiami e nelle mille citazioni, nelle battute pazzesche: ("E l’unico peccato di Mort è che gli piacciono i film con i sottotitoli.”)  L'ho trovata davvero geniale quella scena, di quel genio rarefatto, si, ma  che eleva da solo una pellicola e che ti porta a sognare coi suoi deliri in bianco e nero.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati