Trama

Da qualche parte nell'Europa dell'Est, durante la Seconda guerra mondiale, un bambino ebreo cerca salvezza e rifugio. Ha così modo di imbattersi in individui tra loro molto diversi.

Approfondimento

THE PAINTED BIRD: UN'ODISSEA TRAUMATICA

Diretto e sceneggiato da Václav Marhoul, The Painted Bird racconta la storia di un bambino ebreo (senza nome) e dell'odissea che affronta per salvarsi, dai soldati tedeschi e dai contadini, durante la Seconda guerra mondiale. Tutto ha inizio quando, cercando di proteggere il figlioletto dallo sterminio di massa, una coppia di ebrei decide di mandarlo nelle campagne da qualche parte dell'Europa dell'Est. Tuttavia, la zia del bambino muore inaspettatamente e il piccolo è costretto a intraprendere un viaggio solitario attraverso un mondo selvaggio e ostile, governato solo da regole locali, pregiudizi e superstizioni. Quando la guerra giunge al termine, la sua lotta per la sopravvivenza fisica viene rimpiazzata da un altro tipo di battaglia, una battaglia di cui non è nemmeno a conoscenza, con se stesso, per la sua anima e per il futuro.

Con la direzione della fotografia di Vladimír Smutný, le scenografie di Jan Vlasák e i costumi di Helena Rovna, The Painted Bird è l'adattamento dell'omonimo romanzo del 1965 dello scrittore polacco Jerzy Kosinski, pubblicato in Italia con il titolo di L'uccello dipinto e oggetto di scalpore per la crudeltà raccontata. Kosinski trasse ispirazione dalle esperienze e dai traumi vissuti in prima persona: nato nel 1933, fu infatti costretto a nascondersi nella campagna polacca durante la Seconda guerra mondiale a causa delle sue origini ebree. Il titolo del romanzo faceva chiaramente riferimento a un'usanza una volta popolare nelle sue terre, dove la gente era solita catturare gli uccelli per dipingerne le piume con colori diversi prima di rimetterlo in libertà. Tale comportamento, tuttavia, generava confusione nel regno animale: l'esemplare dipinto veniva percepito come nemico e beccato a morte. Nel lavoro dello scrittore, il piccolo protagonista si sente come un uccello dipinto a causa dei comportamenti umani che incontra strada facendo: paura, disprezzo e crudeltà lo attendono ovunque si trovi semplicemente perché avvertito come diverso, ebreo o zingaro con poteri malefici.

La realizzazione di The Painted Bird è durata ben otto anni e si è rivelata piuttosto complessa sin dalle fasi di preparazione. Sono serviti più di due anni di sforzi per ottenere i diritti cinematografici del romanzo, ben 17 diverse stesure della sceneggiatura (che ha richiesto tre anni per essere ultimata) e altri tre anni tra il finanziamento dell'intero progetto e le riprese. Le sole riprese sono andate avanti per un periodo di 16 mesi tra l'Ucraina, la Slovacchia, la Polonia e la Repubblica Ceca, e il set si è spostato in 43 differenti location. Sono state girate oltre 263 scene (in 35 millimetri e in bianco e nero) e battuti 3531 ciak.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere The Painted Bird è Václav Marhoul, regista, sceneggiatore e attore di origine cecoslovacca. Nato a Praga nel 1960, Marhoul è al suo terzo lungometraggio. I suoi film precedenti, Smart Philip e Tobruk, hanno ricevuto numerosi premi nel circuito dei festival internazionali. Diplomatosi al FAMU, si è… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • The Painted Bird è pura pornografia dell’orrore, perché crede che si possa vomitare sulla platea tutto il male possibile senza stabilire una posizione morale.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

yume di yume
1 stelle

Costringere gli occhi a vedere tutto è condannare alla cecità, e Saramago docet. Per non parlare della Shoah di Lanzmann, come raccontare l’indicibile, come far vedere l’invedibile. Perché questo incipit apocalittico? Perché The Painted Bird è pura pornografia dell’orrore, perché crede che si possa vomitare sulla platea tutto il… leggi tutto

3 recensioni negative

2019
2019

Recensione

yume di yume
1 stelle

Costringere gli occhi a vedere tutto è condannare alla cecità, e Saramago docet. Per non parlare della Shoah di Lanzmann, come raccontare l’indicibile, come far vedere l’invedibile. Perché questo incipit apocalittico? Perché The Painted Bird è pura pornografia dell’orrore, perché crede che si possa vomitare sulla platea tutto il…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

VENEZIA 76 - CONCORSO In una Europa dell'Est piegata dalle rappresaglie tedesche contro il popolo ebraico, in cui la popolazione civile si trova con le spalle al muro entro un conflitto tra i nazisti e l'armata russa, The painted bird narra la tremenda epopea per la salvezza di un bimbo affidato dai genitori in fuga ad una anziana donna di campagna. Quando costei improvvisamente muore, al…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
3 stelle

L’appuntamento del film-scandalo a Venezia 76 è stato confermato con The Painted Bird, Vaclav Marhoul alla regia, viaggio sulla carta dickensiano di un bambino nella storia dell’Europa dell’Est (fra Repubblica Ceca e Polonia) nei primi anni 40 del 900: ça va sans dire, nazisti ovunque. E ça va sans dire, il protagonista è un bambino ebreo. Dei 166…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito