Espandi menu
cerca
La belle époque

Regia di Nicolas Bedos vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 271
  • Post 174
  • Recensioni 4169
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La belle époque

di alan smithee
5 stelle

locandina

La belle époque (2019): locandina

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE Amarsi per sempre e con la stessa intensità dei primi incontri, diviene una chimera anche per le coppie più affiatate; figurarsi per quelle ormai alla deriva, come accade al fumettista ultracinquantenne Victor, che la bella moglie Marianne ha cacciato di casa, preferendogli sfacciatamente un amico di famiglia. Grazie all'incontro dell'uomo con un bizzarro scenarista e scenografo di cinema claudicante - che si è riciclato dal suo lavoro con il cinema con la bizzarra idea di organizzare feste ed occasioni in grado di riprodurre avvenimenti storici o situazioni personali del passato con scrupolosa minuzia - ecco che a Victor scatta una scintilla che diventa per lui la soluzione definitiva e concreta al suo mal di vivere, accentuato per di più dal fallimento professionale che lo contraddistingue, essendo egli un puro uomo d'altri tempi, per nulla avvezzo ad adeguarsi alla rivoluzione digitale ormai dilagante anche nel suo campo professionale.

Guillaume Canet

La belle époque (2019): Guillaume Canet

Daniel Auteuil, Guillaume Canet

La belle époque (2019): Daniel Auteuil, Guillaume Canet

 

La scelta dell'ambientazione, ricade sul luogo magico che segnò l'inizio della relazione della coppia, nel maggio del 1974: il bar La belle epoque di Lione. La situazione, esplosiva e strumentale ad una serie di colpi di scena dove il gioco di coppia si raddoppia ed interseca con la storia sentimentale del bizzarro scenografi, si complica, favorita, all'interno della concitata vicenda, dalla professionalità dell'eccentrico scenografo garante della messa in scena, ma anche dalla scaltra lungimiranza di uno script indubbiamente brillante, ma anche tanto, troppo furbo.

Daniel Auteuil, Fanny Ardant

La belle époque (2019): Daniel Auteuil, Fanny Ardant

 

La circostanza calcolatissima, permette al regista Nicolas Bedos, reduce dal successo francese del meno elaborato, ma più appassionato e sincero Un amore sopra le righe, di giostrarsi entro una scatola cinese di cinema nel cinema che utilizza anche la magia della messa in scena teatrale, per garantire una serie di colpi di scena scoppiettanti, al servizio di almeno quattro interpreti in gran forma (Auteuil, Ardan, Canet e la splendida Doria Tillier, recidiva con Bedos) in grado di impegnarsi in momenti anche divertenti.

Doria Tillier

La belle époque (2019): Doria Tillier

Ma l'effetto spumeggiate e brioso, appare alla lunga anche un po' troppo costruito e strumentale ad una storia frenetica che sembra studiata apposta - come di fatto è ed è naturale che sia - più per favorire l'estro narrativo degli autori, che un espediente per farci uscire di sala genuinamente divertiti grazie ad una storia che sia in grado di farsi amare senza barare.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati