Espandi menu
cerca
Doppia pelle

Regia di Quentin Dupieux vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 277
  • Post 182
  • Recensioni 4587
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Doppia pelle

di alan smithee
7 stelle

locandina

Deerskin (2019): locandina

FESTIVAL DI CANNES 2019 - QUINZAINE DES RÉALISATEURS Si fa presto a dire "scamosciato". Il quarantacinquenne Georges utilizza tutti i pochi risparmi accumulati fino a quel momento, per coronare quello che, più che un sogno, si rivela una ossessione: indossare solo e sempre, una giacca scamosciata di quelle stile moicano, con frange, tipo quella dello "zio Zeb" ne La conquista del West, per intenderci.

Jean Dujardin, Adèle Haenel

Deerskin (2019): Jean Dujardin, Adèle Haenel

Adèle Haenel

Deerskin (2019): Adèle Haenel

 

Gli costerà migliaia di euro presso un anziano truffatore contattato via rete, ma gli renderà estrema soddisfazione, facendogli maturare altresì una patologia di repulsione non solo contro tutti gli altri tipo di giacche e giacconi comunemente utiluzzati, ma altresì verso chi li indossa. Si improviserà regista di se stesso e delle sue folli e sanguinose azioni rivendicative, che lo renderanno un efferato folle giustiziere contro quello che ormai considera una oiaga, un dilagante malcostume che il nostro uomo si adopererà con tutti i mezzi (ma col metodo dell'arma bianca) a debellare.

Jean Dujardin

Deerskin (2019): Jean Dujardin

L'aiuto di una giovane bella ragazza che intende improvvisarsi come produttrice, tanto appare entusiasta del lavoro del nostro, non farà che rendere più determinata l'azione del nostro folle uomo in tenuta di pelle beige. Da un regista folle e spassoso, incontenibile e bizzarro come Quentin Dupieux non ci si poteva aspettare molto di meno della esilarante serie di follie compulsive che vediamo sprigionarsi dall'agire inconsulto, ma non immotivato, del nostro straripante Jean Dujardin, una scelta a dir poco perfetta, al pari di quella di assegnare ad Adele Haenel quella della sua giovane collaboratrice.

Jean Dujardin, Adèle Haenel

Deerskin (2019): Jean Dujardin, Adèle Haenel

Adèle Haenel, Jean Dujardin

Deerskin (2019): Adèle Haenel, Jean Dujardin

Dupieux filma con stile ricercatamente povero, girando attorno alla macchietta e alla gag per centrarla appieno fino a stordire, anche di risate nervose, lo spettatore spesso spiazzato anche se ha imparato a conoscere il suo mondo assurdo, violento, umorale e schiavo di reazioni spesso smodate o incontrollate. Le Daim è dunque un nuovo, riuscito capitolo pe l'autore, intento ad immortalare una lunga serie di deliri che spesso, come in questo caso, sconfinano nell'horror che può celarsi a volte anche nella pacata assurdità del vivere quotidiano.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati