Espandi menu
cerca
Arancia meccanica

Regia di Stanley Kubrick vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Arancia meccanica

di will kane
8 stelle

Il film tratto dal graffiante romanzo di Anthony Burgess è considerabile come un film-manifesto di piu'di una generazione,denso com'e'di concetti,stile e tematiche.Chiunque abbia letto il romanzo non potra'non ritenere che in poche occasioni come questa si puo'parlare di film e libro come di due cose separate e ben definite.Il romanzo,in un vorticoso slang londinese era il diario del violento Alex,ostile al prossimo in modo naturale,per istinto,e non per secondi fini:nel suo epilogo dopo aver imperversato assieme ad altri compagni nelle notti di una citta'inglese allo sfascio,catturato e torturato in modo spersonalizzante dal governo,si accorgeva di essere invecchiato,realizzando che la violenza era un'espressione della propria giovinezza.Kubrick,come sempre,ha preso un canovaccio e l'ha in parte riscritto,elaborando una tesi personale,lasciando comunque il giudizio allo spettatore.Porre in chiave ironica un racconto fatto di stupri,risse,furti e torture programmatiche governatiche per alcuni era il modo meno adatto per sottolineare l'ignavia delle vicende narrate.A me sembra invece che il film sia molto piu'diretto e serio di certi polpettoni retorici che danno un'interpretazione abbastanza melensa dei valori da seguire.Coreografico nelle sequenze di violenza esplicita,allucinante e geniale nella descrizione della "cura Ludovico",riporta al concetto del libero arbitrio,nel film sostenuto da un prete,dato che non si puo'indurre a un comportamento ad un individuo senza porsi al livello della delinquenza e di chi non rispetta diritti ne'umanita'.Uno dei capolavori che costellano la filmografia di Kubrick,una bandiera degli anni Settanta che sta al cinema quanto un disco come "The dark side of the moon" sta alla musica di quel periodo.Molto attuale tutt'oggi,con la fobia del futuro,di stampo totalitario,con una societa'che si rifugia nell'ipocrisia di politici e uomini di scienza che adoperano metodi nazisti con un sorriso da rotocalco,ci sono i simboli dello specchio della personalita'di un ragazzo nella camera-tana in cui alla fine di una giornata passa un po'di tempo con se stesso.Un'opera d'arte,che come tale va giudicata,secondo gusti estetici e criteri d'interpretazione.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati