Espandi menu
cerca
1917

Regia di Sam Mendes vedi scheda film

Recensioni

L'autore

berkaal

berkaal

Iscritto dal 16 giugno 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post -
  • Recensioni 117
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su 1917

di berkaal
8 stelle

Un unico piano sequenza lungo tutto il film, (ma ci sono dei tagli, più o meno visibili), un flusso di coscienza attraverso l'orrore dei reticolati, la poesia della campagna, l'incubo delle rovine illuminate dai bengala e l'abbandono alla corrente del fiume. La vicenda ha un incedere maestoso, lento, solenne, ineluttabile. C'è il respiro dei grandi spazi, il fascino del viaggio, il battesimo delle prove da superare, il rito dell'iniziazione. Il film va bevuto tutto d'un fiato, non si lasci spazio all'analisi, al dubbio, al ripensamento. Non mancano i difetti, i tedeschi hanno una mira incredibilmente scadente, sparano addosso al protagonista centinaia di volte e mai che una pallottola colga nel segno. Da notare come del nemico non si veda praticamente mai il viso, è sempre un'entità altra, esterna, un riferimento simbolico. Ottima prova del protagonista, George MacKay.

 
FEB
6

1917 - 2019 


Un unico piano sequenza lungo tutto il film, (ma ci sono dei tagli, più o meno visibili), un flusso di coscienza attraverso l'orrore dei reticolati, la poesia della campagna, l'incubo delle rovine illuminate dai bengala e l'abbandono alla corrente del fiume. La vicenda ha un incedere maestoso, lento, solenne, ineluttabile. C'è il respiro dei grandi spazi, il fascino del viaggio, il battesimo delle prove da superare, il rito dell'iniziazione. Il film va bevuto tutto d'un fiato, non si lasci spazio all'analisi, al dubbio, al ripensamento. Non mancano i difetti, i tedeschi hanno una mira incredibilmente scadente, sparano addosso al protagonista centinaia di volte e mai che una pallottola colga nel segno. Da notare come del nemico non si veda praticamente mai il viso, è sempre un'entità altra, esterna, un riferimento simbolico. Ottima prova del protagonista, George MacKay.
 
FEB
6

1917 - 2019 


Un unico piano sequenza lungo tutto il film, (ma ci sono dei tagli, più o meno visibili), un flusso di coscienza attraverso l'orrore dei reticolati, la poesia della campagna, l'incubo delle rovine illuminate dai bengala e l'abbandono alla corrente del fiume. La vicenda ha un incedere maestoso, lento, solenne, ineluttabile. C'è il respiro dei grandi spazi, il fascino del viaggio, il battesimo delle prove da superare, il rito dell'iniziazione. Il film va bevuto tutto d'un fiato, non si lasci spazio all'analisi, al dubbio, al ripensamento. Non mancano i difetti, i tedeschi hanno una mira incredibilmente scadente, sparano addosso al protagonista centinaia di volte e mai che una pallottola colga nel segno. Da notare come del nemico non si veda praticamente mai il viso, è sempre un'entità altra, esterna, un riferimento simbolico. Ottima prova del protagonista, George MacKay.
Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati