Espandi menu
cerca
A Chiara

Regia di Jonas Carpignano vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 39
  • Post -
  • Recensioni 1026
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su A Chiara

di Mulligan71
6 stelle

Prosegue il bel viaggio di Jonas Carpignano, regista italo americano che con gli ultimi due lungometraggi, questo e "A Ciambra" (mentre non conosco "Mediterranea"), indaga la realtà calabrese di Gioia Tauro, porto del sud ma anche una sorta di luogo-non luogo nella realtà sociale italiana, abbandonato a immigrazione selvaggia, campi rom e 'ndrangheta. Territorio di guerra, quindi, che in "A Chiara", il regista ci fa attraversare con gli occhi della quindicenne Chiara, bravissima attrice non professionista, così come gli altri, che scopre, dopo il diciottesimo della sorella, di far parte di una famiglia mafiosa, con un padre costretto all'improvviso alla latitanza. Da lì in poi, Chiara, dovrà scegliere la vita che vorrà. Film duro, chiaramente, neo realista, se usare questo termine, oggi, non è bestemmia, e già per questo meritevole, audace e coraggioso, ma, a conti fatti, un poco inferiore all'ottimo "A Ciambra". La storia è un po' risaputa, i personaggi reali, certo, ma finiscono per essere un po' stereotipati e se non fosse per la forza morale e di recitazione di Swamy Rotolo (Chiara) forse il film faticherebbe un po'. Due ore comunque interessanti, al di fuori del solito Cinema, evviva, con una parte centrale di grande livello. Vedremo cosa, Carpignano, saprà regalarci in futuro, magari fuori dal malessere e dai mali del sud, o di Gioia Tauro in specifico. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati