Espandi menu
cerca
Sulla infinitezza

Regia di Roy Andersson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 38
  • Post -
  • Recensioni 1008
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sulla infinitezza

di Mulligan71
8 stelle

Roy Andersson sta al Cinema come Edward Hopper alla pittura, Mark Strand alla poesia, Samuel Beckett al teatro. Macchina da presa fissa, surrealismo, esistenzialismo, humor nichilista e poesia: queste, sommariamente, le traiettorie del suo Cinema, almeno dagli anni zero a oggi. "Sulla Infinitezza" è una riflessione originalissima sul concetto della perdita, della sconfitta, e sull'incosistenza delle nostre povere vite, relegate a una solitudine cosmica, sopra le macerie della Bellezza. Temi profondissimi, risolti in una serie di bozzetti spesso fulminanti, in cui qualcuno perde sempre qualcosa: un tacco, l'amore, una guerra, un amico, la fiducia o la fede. Un'umanità statica e sola, dove quasi le (poche) parole non contano, ma contano i dettagli, i riflessi in uno specchio, una musica, uno sguardo. Un film riuscitissimo dove Andersson riesce a raccontarci cose profonde con una semplicità imbarazzante. Poesia e grande Cinema. Che stiano alla larga gli amanti delle super produzioni, dei super eroi e delle super stronzate: questa è Arte, con la A maiuscola.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati