Trama

Una soave voce femminile racconta storie di diverse umanità. Attraverso una serie di momenti apparentemente banali, si riflette sullo splendore della vita, sulla sua grandezza, sulla sua crudeltà e sulla sua banalità.  Situazioni insignificanti assumono così la stessa importanza di significativi eventi storici: una coppia fluttua sulla città di Colonia devastata dalla guerra; sulla strada per una festa di compleanno, un padre si ferma a legare i lacci delle scarpe della figlia sotto la pioggia battente; ragazze adolescenti ballano fuori da un bar; un esercito sconfitto marcia verso un campo di prigionia.

Approfondimento

ABOUT ENDLESSNESS: L'INESAURIBILE ESISTENZA UMANA E I SUOI RACCONTI

Diretto e sceneggiato da Roy Andersson, About Endlessness è una riflessione sulla vita umana in tutta la sua bellezza e crudeltà, splendore e banalità. Si vaga in maniera onirica sotto la voce di una narratrice che, come Scheherazade in Le Mille e una Notte, fa sì che momenti insignificanti assumano la stessa importanza di significativi eventi storici: una coppia fluttua sul cielo della città di Colonia, devastata dalla guerra; sulla strada per una festa di compleanno, un padre si sofferma ad allacciare le scarpe alla figlia sotto il battere della pioggia; ragazze adolescenti ballano fuori da un bar; un esercito sconfitto marcia verso un campo di prigionia. Ode e lamento allo stesso tempo, About Endlessness presenta un caleidoscopio di tutto ciò che è eternamente umano, una storia infinita sulla vulnerabilità dell'esistenza.

Con la direzione della fotografia di Gergely Pálos, About Endlessness (con il suo astrattismo) è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Venezia 2019: "Da 18 anni lavoravo nel cinema e, occupandomi semplicemente di estetica realista/naturalista, mi sentivo come bloccato, con pochissime opportunità di innovazione e sviluppo. L'anno era il 1985 ed ero pronto ad abbandonare il cinema come mezzo di espressione. Il neorealista Ladri di biciclette di Vittorio de Sica era un capolavoro insuperabile e, secondo me, aveva tutto ciò che deve avere il migliore dei film. Certo, esistevano altri titoli che mi appassionavano e interessavano molto, come le opere successive di Luis Buñuel e Federico Fellini, ma il loro linguaggio altamente astratto era qualcosa per cui non ero particolarmente portato. Almeno fino a quando non ho osato cimentarmi con esso. Non voglio dire che ho rinunciato al realismo/naturalismo per sempre. Elementi di queste forme espressive sono ovviamente presenti ancora presenti nel mio lavoro ma immergermi nell'universo dell'astrazione è stato liberatorio. Con l'aiuto dell'astrazione, ho fatto dialogare i vivi con i morti in Canti dal secondo piano e mi sono immerso nella dimensione onirica di You, the Living. Ho raccontato storie su di noi e sul nostro tempo con le sequenze incredibilmente anacronistiche come quelle presenti in Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza, dove il re svedese Charles XII mentre si reca in Russia nel 1708 fa una breve sosta in un bar di una periferia contemporanea perché ha sete o al ritorno perché deve usare il bagno".

"Diverse, come accade con gli ultimi miei lavori, sono state le fonti di ispirazione", ha proseguito Andersson. "Ma una su tutte è stata la più pregnante: Le Mille e una Notte, il capolavoro per eccellenza della cultura araba. Come i tanti racconti di Scheherazade affascinavano re Shahryar, spero che anche le scene di About Endlessness siano così interessanti e affascinanti da portare il pubblico a volerne vedere ancora un'altra e a pretendere che il film non finisca mai. Del  resto, l'esistenza umana è inesauribile e come tale ho voluto che fosse la composizione delle varie scene. nella mitologia greca c'è un oggetti che è meglio noto come il corno dell'abbondanza o, semplicemente, cornucopia. Si tratta di un corno di capra pieno di oggetti che simbolizzano ricchezza e abbondanza. Di solito, è rappresentato come traboccante di ortaggi e frutta di ogni genere, di una generosità che, come vorrebbe il mito, non finisce mai: è dunque un'incarnazione fisica di quella che è l'infinita inesauribilità. Penso che l'arte e la storia dell'arte abbiano oggi lo stesso ruolo della cornucopia e che racchiudano al loro interno l'intero significato dell'umanità stessa. Confesso che spesso ho provato una certa invidia per la ricchezza delle belle arti. Naturalmente, ci sono film che sono quasi alla pari con i grandi capolavori delle belle arti ma, secondo me, sono pochissimi".

"About Endlessness ha una voce narrante, che ridefinisce il concetto stesso di voice over cinematografico", ha precisato Andersson. "Spesso la voce narrante è un personaggio che accompagna la storia e un uso particolarmente significativo è quello che ne ha fatto Alain Resnais in Hiroshima, mon amour, in cui un monologo di Marguerite Duras finisce sia per accompagnare splendidi immagini silenziose sia per trasformarsi in dialogo con i personaggi principali. Io ho scelto la voce di una donna, una giovane donna, che lasciando trasudare esperienza di vita e vanità ricorda una sorta di fata. La voce sottolinea ciò che si vede e si rivolge direttamente a chi guarda il film, in maniera chiara e pacata. Non vuole convincere di nulla ma descrivere solo ciò che sta accadendo ma lo fa all'imperfetto. Mentre noi vediamo ciò che avviene, lei lo descrive come se ne fosse stata già testimone. Ci racconta anche qualcosa che non vediamo, fornendoci ulteriori informazioni sui personaggi e sulle ragioni di alcuni loro comportamenti, arricchendo in tal modo la nostra prospettiva sugli spaccati".

Ha poi concluso il regista: "Ci sono anche scene che sono state ispirate dall'artista franco-russo Marc Chagall. Cinque volte vediamo una coppia fluttuare su città e paesaggi devastati dalla guerra. La coppia è il simbolo dell'innocenza".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere About Endlessness è Roy Andersson, regista, sceneggiatore e montatore svedese.  Nato nel 1943 a Göteborg, nel 1969 si è laureato presso lo Swedish Film Institute e il suo primo lungometraggio, A Swedish Love Story, ha vinto quattro premi al Festival del cinema di Berlino nel 1970. Giliap, il suo… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • E' la suggestione da Le Mille e una Notte a suggerire a Roy Andersson come raccontare il mondo, un racconto infinito in un film che vorremmo non finisse mai

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
9 stelle

Se guardiamo una foto di Roy Andersson ci sembra di vedere la faccia di certi suoi attori, stessi occhi amichevoli e un po’ beffardi, guance paffute, la bocca stretta in un sorriso trattenuto mentre guarda lo spettacolo del mondo, anzi, stavolta guarda l’ infinito dall’alto della galassia, about endleness, poi viene giù fra noi e ce lo racconta in pillole, scenette… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Sull’infinito. Due amanti che nuotano nel cielo come in un dipinto di Chagall. Bar e solitudini incomunicabili come in un dipinto di Hopper. Spazi con prospettive estremizzate come in uno schema di Brunelleschi. È chiaro che nel suo cinema costantemente imbalsamato Roy Andersson, che torna a Venezia 76 con un titolo di cui si parlava con grande mistero da molto tempo, tenga a dare… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
7 stelle

Pose fotografate, fotografie di pose. Altro non è l’ultima gestazione (sembra ci siano voluti dieci anni per concepire questa sua ultima opera) di Roy Andersson. Ma nulla è volto a sminuire questa sua pellicola, anzi. Nel complesso, grazie anche all’intelligenza di comprimere tutto all’interno di una durata che va di poco oltre i sessanta minuti, il film è…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Zagarosh di Zagarosh
9 stelle

In ogni film di Roy Andersson c’è sempre il “momento della caduta”, quella scena in cui uno dei personaggi, per un motivo qualsiasi, finisce al suolo (in You, the living l’imprenditore che crolla durante la riunione, in Canzoni del secondo piano l’uomo che inciampa scendendo dal treno, ne Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza quello che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Venezia 76

obyone di obyone

E anche quest'anno è finita. Prima che i leoni vengano assegnati meglio spendere due parole e dare le proprie indicazioni sui film. Non è stata un'edizione esaltante, per quel che ho visto, ma la mia…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

VENEZIA 76 - CONCORSO "... ho visto un uomo...." Dopo una celestiale veduta di due casti amanti verso un infinito diretto sul nostro pianeta, ecco che una voce narrante femminile di sospetta provenienza superiore, racconta ciò che lo sguardo dall'alto dei cieli raccoglie su una umanità intenta singolarmente a districarsi come può a favore della problematica che la assale.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Sull’infinito. Due amanti che nuotano nel cielo come in un dipinto di Chagall. Bar e solitudini incomunicabili come in un dipinto di Hopper. Spazi con prospettive estremizzate come in uno schema di Brunelleschi. È chiaro che nel suo cinema costantemente imbalsamato Roy Andersson, che torna a Venezia 76 con un titolo di cui si parlava con grande mistero da molto tempo, tenga a dare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

yume di yume
9 stelle

Se guardiamo una foto di Roy Andersson ci sembra di vedere la faccia di certi suoi attori, stessi occhi amichevoli e un po’ beffardi, guance paffute, la bocca stretta in un sorriso trattenuto mentre guarda lo spettacolo del mondo, anzi, stavolta guarda l’ infinito dall’alto della galassia, about endleness, poi viene giù fra noi e ce lo racconta in pillole, scenette…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Venezia 2019: Giorno 7

Venezia 2019: Giorno 7

Giunta al suo settimo giorno, la 76.ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia cala in concorso due carte agli antipodi: da un lato c'è Guest of… segue

Post
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito