Trama

Leningrado, 1945. La Seconda guerra mondiale ha devastato la città, demolendo i suoi edifici e lasciando i cittadini a pezzi, sia fisicamente sia moralmente. Anche se l'assedio (uno dei peggiori della storia) è finalmente finito, vita e morte continuano a segnare le strade. Due giovani donne, Iya e Masha, cercano in tale contesto una nuova ragione d'essere e sperano di risorgere dalle rovine.

Approfondimento

LA RAGAZZA D'AUTUNNO: LE CONSEGUENZE DELLA GUERRA SULLE DONNE

Diretto da Kantemir Balagov e sceneggiato dallo stesso con Aleksandr Terekhov, La ragazza d'autunno è ambientato nella Leningrado del 1945, una città che la Seconda guerra mondiale ha devastato demolendo edifici e lasciando i suoi abitanti a pezzi, sia fisicamente sia psicologicamente. Sebbene l'assedio, uno dei peggiori della storia, sia finalmente terminato, vita e morte continuano la loro battaglia tra i relitti rimasti. In tale contesto, Iya e Masha, due giovani donne, cercano un senso a quanto accaduto e sperano nella lotta per ricostruire le loro esistenze.

Con la direzione della fotografia di Kseniya Sereda, le scenografie di Sergey Ivanov, i costumi di Olga Smirnova e le musiche originali di Evgueni GalperineLa ragazza d'autunno viene così presentato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Cannes 2019 nella sezione Un certain regard: "La ragazza d'autunno è il mio secondo lungometraggio. Per me, è molto importante che la storia abbia luogo nel 1945. Le mie eroine, come la città in cui vivono, sono state maciullate da una guerra orribile. Vivono in una città che ha subito uno dei peggiori assedi nella storia della guerra. La ragazza d'autunno è la loro storia e quella delle persone che incontrano a Leningrado, degli ostacoli che devono superare e del modo in cui sono trattate dalla società circostante. Sono psicologicamente menomate dalla guerra e ci vorrà del tempo prima che possano imparare a vivere le loro normali vite. Sono interessato da sempre al destino delle donne e, specialmente, di quelle che hanno vissuto sulla loro pelle la Seconda guerra mondiale. Secondo i dati, si è trattato delle guerra con il più alto grado di coinvolgimento femminile. Da autore, sono interessato a trovare risposte a una domanda: cosa succede a una persona, che si suppone un giorno dia la vita a un altro essere umano, dopo essere stata sottoposta alle prove della guerra?".

"La ragazza d'autunno - ha proseguito il regista - presenta una particolare tavolozza di colori. Quando ho iniziato a studiare i diari e gli appunti di coloro che hanno vissuto quel periodo, ho scoperto che nonostante le difficoltà e la devastazione erano circondati da colori luminosi ogni giorno. Il conflitto tra i colori e la natura della vita nel dopoguerra è stato quasi fondamentale per la vicenda che volevo raccontare. Fonte di ispirazione è stato il libro La guerra non ha un volto di donna del premio Nobel Svetlana Alexievich, un volume che mi ha fatto rendere conto di quanto poco sapessi della guerra e del ruolo delle donne. Mi si è aperto davanti un mondo del tutto nuovo, che mi ha condotto a concentrarmi su un altro pensiero, su cosa accade a una donna dopo la fine del conflitto, quando c'è una sorta di spostamento tettonico nella sua mente e nella sua natura. La ragazza d'autunno, a livello superficiale, significa spilungona, una parola che serve a descrivere le caratteristiche fisiche e la prospettiva di Iya, l'eroina della storia che è molto alta come donna. Per me, invece, La ragazza d'autunno è una parola che rimanda più alla goffaggine, quella sensazione che coglie tutti coloro che provano difficoltà ad esprimere i propri sentimenti mentre imparano a vivere di nuovo dopo il conflitto mondiale".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La ragazza d'autunno è Kantemir Balagov, regista e sceneggiatore russo. Nato a Nalchik nel 1991, Balagov si è diplomato nel 2015 al laboratorio di regia tenuto dal maestro russo Alexander Sokurov presso la Kabardino-Balkariann State University. Durante il corso di studi, ha avuto modo di realizzare… Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Un film da vedere, premiato per la regia a Cannes nel 2019: potrebbe offrire qualche sorpresa anche la notte degli Oscar, ormai vicina.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Nella shortlist dei dieci film “stranieri” che possono arrivare al premio Oscar, lunedì 13 gennaio, sapremo se Dylda avrà la nomination.

    leggi la recensione completa di yume
  • Può darsi si tratti di un vero e proprio capolavoro. La mia è però solo una sensazione, dovuta ad un mio limite, almeno in gran parte: il mio udito non è perfetto, tra orecchio destro e orecchio sinistro c'è una disparità che talvolta, come per questo film visto ieri sera, diventa impedimento. Tenterò di rivederlo in V.O. coi sottotitoli.

    leggi la recensione completa di cherubino
  • Leningrado. Seconda guerra mondiale. Sindrome postraumatica da stress causata dalla guerra e vista da parte delle donne e dall' enorme sacrificio da loro compiuto. Ci furono donne che combatterono, una cosa sconosciuta ai più. Sono molto a mio agio con le donne e con la mia parte femminile racconta il regista

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

laulilla di laulilla
9 stelle

È arrivato in sala l’attesissimo secondo film di Kantemir Balagov, regista del bellissimo Tesnota Nato nel 1991 e cresciuto alla scuola di A. Sokurov, l’enfant prodige ha imparato perfettamente a maneggiare gli strumenti del suo lavoro e questa volta ci ha raccontato, con impassibile distacco, alcune storie terribili dell’immediato dopoguerra (1945) a Leningrado,… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Quando l'infermiera Iya ha uno dei suoi blackout, uno strano stato di ipnosi quasi epilettica ma senza convulsioni, il mondo si ferma, tutto tende ad attutirsi. In realtà però va tutto avanti, con conseguenze talvolta catastrofiche. Kantemir Balagov racconta l'amicizia/attrazione fra le due protagoniste, Iya e Masha, scandendo i tempi e la narrazione con ellissi, silenzi,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2020
2020

Recensione

laulilla di laulilla
9 stelle

È arrivato in sala l’attesissimo secondo film di Kantemir Balagov, regista del bellissimo Tesnota Nato nel 1991 e cresciuto alla scuola di A. Sokurov, l’enfant prodige ha imparato perfettamente a maneggiare gli strumenti del suo lavoro e questa volta ci ha raccontato, con impassibile distacco, alcune storie terribili dell’immediato dopoguerra (1945) a Leningrado,…

leggi tutto

Recensione

yume di yume
9 stelle

“Il cuore, che male! Strappalo via! Strappalo via! Chi c’è, chi c’è lassù nel cielo?” “Non c’è nessuno lassù” “Eppure qualcuno mi ha ferito” da Madre e figlio di A. Sokurov   Citare Sokurov, e in particolare quel suo film, è d’obbligo, Kantemir Balagov,suo giovane allievo, sembra…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

cherubino di cherubino
9 stelle

          LA RAGAZZA D'AUTUNNO (2019)   ...e allora perchè ne scrivo già ora? Solo per invitare chi mi legga ad andarlo a vedere, secondo me è imperdibile. È sugli schermi solo dal 9 gennaio, due giorni fa, non so quanto durerà. Poi, avendo letto poco fa che è in lizza per il Premio Oscar al miglior film straniero,…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 6 gennaio 2020
2019
2019
locandina
Foto

Recensione

gaiart di gaiart
8 stelle

Leningrado. Seconda guerra mondiale.Sindrome postraumatica da stress causata dalla guerra e vista da parte delle donne e dall'enorme sacrificio da loro compiuto. Ci furono donne che combatterono. Cosa sconosciuta ai più. "Sono molto a mio agio con le donne e con la mia parte femminile " racconta il geniale regista russo, che dopo aver letto il libro ne rimane folgorato. Come noi! Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 72 - UN CERTAIN REGARD Sopravvissute alla catastrofe dell'assedio di Leningrado, durante le sanguinose fasi salienti della fine del Secondo Conflitto Mondiale, seguiamo le drammatiche vicissitudini di due ragazze scampate alla distruzione, addette all'infermermeria dell'ospedale cittadino. Una delle due, ragazza magra, bionda quasi albina e altissima (il titolo inglese…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito