Espandi menu
cerca
The Dirt: Mötley Crüe

Regia di Jeff Tremaine vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Paul Hackett

Paul Hackett

Iscritto dal 2 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post -
  • Recensioni 1603
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Dirt: Mötley Crüe

di Paul Hackett
6 stelle

Reduce da una minore età a dir poco complicata, al principio degli anni 80, il giovane bassista Nikki Sixx conosce il batterista Tommy Lee, con il quale forma il primo nucleo dei Motley Crue, band glam-metal che dominerà le classifiche per tutto il decennio, prima di rischiare il collasso sotto il peso di eccessi, dipendenze, sessuomania e terribili lutti.

 

Vivace biopic, tratto da una biografia scritta dal giornalista Neil Strauss, che segue il consueto plot narrativo di ascesa-caduta-redenzione e che, al di là di improbabili e profonde analisi storico-musicali, racconta semplicemente la storia di quattro fattoni sballati e delle loro colorate ed eccessive performance, sul palco e non solo. Il film, nell'insieme, è ben realizzato, ma è un giocattolone rumoroso e abbastanza superficiale, che non riesce a chiarire mai il carattere dei suoi protagonisti, limitandosi a rimestare nelle carenze affettive di Nikki Sixx (un po' il filo conduttore della pellicola) e a cadere nel ricattatorio quando descrive il dolore del cantante Vince Neil, alle prese con una terribile perdita. Il regista Jeff Tremaine viene dal giro dei pazzoidi di Jackass e si vede dalla sua capacità di mettere in scena le chiassose (e pericolose) pagliacciate di giovani rockers del tutto fuori controllo. Cast buono, soprattutto per l'indiscutibile somiglianza dei protagonisti con i "veri" Motley Crue.

 

Guardabile: 6/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati