Espandi menu
cerca
1997: Fuga da New York

Regia di John Carpenter vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Enrique

Enrique

Iscritto dal 4 febbraio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 68
  • Post 1
  • Recensioni 639
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su 1997: Fuga da New York

di Enrique
6 stelle

C’è stato un tempo in cui accanto al più famoso simbolo americano dei valori di libertà e d’accoglienza (la Statua della Libertà) esisteva un luogo di segregazione e di esclusione (il centro di detenzione di Ellis Island). Quel tempo - nell’immaginario carpentiano - è tornato.
Nel suo 1997, infatti, l’isola di Manhattan replica all’ennesima potenza (e paradossalmente visto che da anni è invece una delle più ambite mete turistiche) quello stesso luogo e proprio lì (altrettanto paradossalmente, visto quanto sarebbe successo 20 anni dopo l’uscita del film) si va a schiantare l’aereo presidenziale.
Sono queste le interessanti premesse del 1°film di J.Carpenter su Snake/Jena Plissken, rude antieroe che parla poco (così da risparmiarci le solite frasi fatte che normalmente infestano i film d’azione), ma quando succede, sono brividi (nonostante non mi abbia convinto la scelta della voce italiana: Carlo Valli è un grandissimo, ma forse non risultato azzeccato per il ruolo).
Un buon western urbano (scapigliato) sorretto da una buona colonna sonora che (unitamente alla perenne - per quanto un po’ anomala visto che dopo 10 minuti di albeggiare irrompe nuovamente - oscurità che tutto avvolge) sa conferire la giusta carica di tensione.
Non un film del tutto inappuntabile, per la verità, ma un cult sì e, in quanto tale, meritevole di profondo rispetto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati