Espandi menu
cerca
L'arte della difesa personale

Regia di Riley Stearns vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 138
  • Post 16
  • Recensioni 9250
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'arte della difesa personale

di mm40
8 stelle

Un timido impiegato solitario viene aggredito da un gruppo di motociclisti, una sera. Decide perciò di iscriversi a una scuola di karate, dove incontra un maestro che lo prende in simpatia e lo trasforma in un vero guerriero.

Si possono usare maniere pacifiche per scopi violenti, oppure si può usare la violenza per scopi pacifici: questa è la morale de L’arte della difesa personale, messa in bocca al deuteragonista nella sequenza finale. Tutt’altro che banale, tutt’altro che scontata, tutt’altro che prevedibile – soprattutto – alle luce della trama dell’opera, che si sviluppa approssimativamente in tre sezioni: un prologo da commedia, una parte centrale thriller e un finale di nuovo leggero, ma sapientemente venato di nero. Eccellente il copione, gradevolissima la regia: per essere al suo secondo lavoro, Riley Stearns lascia davvero un’ottima impressione di sé; allo stesso modo Jesse Eisenberg sa fluttuare agilmente fra il ruolo del contabile gracilino e introverso e quello del maschio alfa che non esita a schiacciare chiunque si frapponga fra lui e il suo obiettivo (certo, spesso questo salto di carattere risulta un po’ eccessivo e artefatto, e questa è la nota meno positiva di tutto il lavoro). Altrettanto convincenti sono poi gli interpreti di contorno, dal mellifluo Alessandro Nivola alla dimessa Imogen Poots, passando per Philip Andre Botello, Steve Terada e David Zellner. Cento minuti che scorrono tutti d’un fiato. 8/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati