Espandi menu
cerca
Ayla - La figlia senza nome

Regia di Can Ulkay vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 170
  • Post 6
  • Recensioni 871
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Ayla - La figlia senza nome

di bufera
7 stelle

Film di genere biografico, storico e di guerra è la storia di un generale turco che mentre combatte in Corea salva e si affeziona ad una bambina trovata abbandonata tra le macerie.

locandina

Ayla - La figlia senza nome (2017): locandina

 

AYLA - La figlia senza nome (The Daughter of war) è un film del 2017, di produzone turca, diretto da Can Ulkay e sceneggiato da
Ygit Guralp. Questo film racconta la storia vera di Suleyman Dilbirligi, veterano della guerra di Corea e di sua figlia Ayla.

Durante la guerra di Corea, nel 1950, il generale Süleyman trova una bambina sola e abbandonata in mezzo al campo di battaglia. La accoglie nella base militare turca, crescendola come sua figlia e dandole il nome di Ayla. A poco a poco, tra i due si crea un fortissimo legame ma con l'avvicinarsi della fine del conflitto il generale rischia di perdere colei che per lui significa ormai quasi tutto.

 

L'uomo,infatti, non è sposato ma solo fidanzato nel suo paese e rimanda continuamente il suo ritorno in Turchia perchè quella dolce bambina lo chiama papà e, come si allontana un attimo, si mette a piangere e lo invoca. Anche quando, piegandosi a forti pressioni che vengono dall'alto, si rassegna a portarla in una buona istituzione per orfani di guerra, dove i bambini vengono trattati con affetto, curati  e ricevono una ottima istruzione, Ayla sembra subito integrarsi cantando in un coro, ma poco dopo che lui è uscito si sente il suo solito "papà, papà"e la piccola lo raggiunge correndo.

 

 

Questo affetto, che non è morboso ma è poetico e commovente, tipico di chi ha conosciuto la solitudine e brutte esperienze come quelle della guerra in cui anche la piccola si è trovata in mezzo, tra gli orrori e l'abbandono, comincia a diventare un serio problema.      Al generale non resta che portarla con sè, ma non apertamente perchè legalmente si tratterebbe di un rapimento, così escogita una  modalità inconsueta: la mette in una grossa valigia con piccole aperture che garantiscono l'aereazione e si imbarca o meglio tenta di imbarcarsi perchè le dimensioni del bagaglio insospettiscono i controlli e la valigia viene aperta.

 

Questa volta la separazione è, almeno al momento, definitiva e alla bambina in lacrime il "papà"promette solennemente che, appena potrà, tornerà a prenderla. Passano gli anni e l'uomo, che nel frattempo si è sposato e ha avuto due figli, non smette mai di cercarla  anche per mantenere la sua promessa, ma Ayla non si trova perchè quello non è il suo vero nome.Ci vorrà una giornalista intestardita  a rintracciare il nome e la persona, ormai una donna di mezza età, che vive da sola, abbandonata dal marito. Dopo varie vicissitudini, si verificherà questo incontro che darà gioia alla sfortunata bambina di allora e al suo "papà" che adempie alla promessa anche se ad età molto avanzata.

 

Si tratta di un film semplice, ma poetico e realista insieme, che non risparmia scene di guerra e altre situazione dolorose e ha un certo interesse storico. Non c'è ruffianeria e non si insiste sui buoni sentimenti. Gli interpreti, per chi scrive sconosciuti, hanno fatto un buon lavoro come anche il regista, senza eccesive pretese e con grande cura.

 

Ismail Hacioglu

Ayla - La figlia senza nome (2017): Ismail Hacioglu

Ismail Hacioglu, Kim Seol

Ayla - La figlia senza nome (2017): Ismail Hacioglu, Kim Seol

Kim Seol

Ayla - La figlia senza nome (2017): Kim Seol

Ismail Hacioglu, Kim Seol

Ayla - La figlia senza nome (2017): Ismail Hacioglu, Kim Seol

Kim Seol, Ismail Hacioglu

Ayla - La figlia senza nome (2017): Kim Seol, Ismail Hacioglu

Çetin Tekindor

Ayla - La figlia senza nome (2017): Çetin Tekindor

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati