Espandi menu
cerca
Downton Abbey - Il film

Regia di Michael Engler vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 4
  • Recensioni 1831
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Downton Abbey - Il film

di Baliverna
6 stelle

La famiglia reale ha comunicato un'imminente visita alla celebre ex-abazia. Bisogna tirare a lucido la casa (già piuttosto lucida) e preparare un sontuoso pranzo.

Della serie avevo visto solo pochi spezzoni (non sono un praticante di serie), ma abbastanza per dire che la formula è la stessa: sontuose scenografie, fotografia curata (con alcuni bei panorami della campagna inglese), grande attenzione ai costumi e agli arredi, un minimo di trama, qualche dialogo spiritoso con battute da situation comedy, un elogio di fondo ad aristocrazia e monarchia inglesi. Nonostante le grinze che vi sono qua e là, infatti, il ritratto è decisamente positivo.

Mentre lo guardavo, mi chiedevo dove risiedesse il successo di una serie non priva di pregi, ma che, a ben guardare, manca di alcuni elementi classici di tutte le serie, come la trama intricata e i colpi di scena. La risposta che mi sono dato è questa: al pubblico piace vedere come vivevano i nobili inglesi, come arredavano le sontuose case, come organizzavano pranzi e balli di gala, come si vestivano, i valori che avevano, come era la servitù, e poi gli amori, gli intrecci e gli odi tra le casate. E soprattutto credo che piaccia il lusso della loro vita, il quale suscita ammirazione e una punta d'invidia.

La confezione è quindi molto curata, e non si può mai parlare di sciatteria, neppure nell'interpretazione degli attori. Tuttavia, di sostanza non ce n'è molta: i personaggi sono poco più di mascherine definite con pochi semplici tratti; anche i casi privati e intimi che vengono toccati rimangono in superficie, e di emozioni ce ne sono pochine. Il protagonista è il lusso, l'ambientazione e lo stile di vita.

Nel suo - cioè nei confronti di chi si aspetta quanto sopra - l'operazione è riuscita. Penso anche che i cultori della serie non dovrebbero restare delusi. Chi chiede invece un po' d'altro, dopo il sontuoso pranzo offerto dalla pellicola, se ne va con ancora un po' di fame. Qui la metafora calza in tutti i sensi.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati