Espandi menu
cerca
L'ufficiale e la spia

Regia di Roman Polanski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 209
  • Post 20
  • Recensioni 1348
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'ufficiale e la spia

di steno79
9 stelle

Un comeback magistrale per Polanski. All'età di 86 anni, il regista polacco ha il coraggio di proporre una minuziosa rievocazione storica dell'affaire Dreyfus che sconvolse la Francia di fine 800, la cui eco si sentirà in molte opere letterarie compresa quella di Proust, ma che al cinema non era mai stata trattata con un rigore e un approfondimento paragonabile (mi risulta che un vecchio film hollywoodiano su Zola con Paul Muni ne parli, ma non credo possa esserci davvero un paragone con questo film). La sceneggiatura è densa di fatti e di personaggi, mantiene al centro la figura del colonnello Picquart e della sua indagine che lo porterà a scoprire molte verità scomode e infamanti, con un approccio cronachistico e antispettacolare sicuramente non facile per il pubblico meno esigente, ma che alla lunga ripaga ampiamente dello sforzo intellettivo richiesto. Dunque il film non è per nulla noioso ma appassionante, una requisitoria contro la corruzione e la disonestà che può avere molti agganci con il presente e potrebbe alludere anche a situazioni personali del regista, ma questi riferimenti non devono distrarre dalla forza dell'opera e dalla pregnanza dei contenuti, esaltati da uno stile classicheggiante che non ha nulla di accademico e non scade nella maniera. I contributi tecnici sono di prim'ordine e il cast risulta notevole, in primis il premio Oscar Jean Dujardin che mette in rilievo una tempra di attore ancora poco conosciuta da noi, ma infallibile nella ricchezza di sfumature che conferisce al militare assetato di giustizia e verità. Louis Garrel come Dreyfus ha poche scene ma figura benissimo nel restituire la dignità calpestata e l'orgoglio del militare ebreo, si apprezza anche la compagna del regista Emmanuelle Seigner ormai piuttosto invecchiata ma ben calibrata nel personaggio dell'amante di Picquart. Un film di indubbia rilevanza estetica e morale, al di là delle polemiche strumentali che lo accompagnano, forse tra i migliori dell'anno.

Voto 9/10

Louis Garrel

L'ufficiale e la spia (2019): Louis Garrel

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati