Espandi menu
cerca
Lo spietato

Regia di Renato De Maria vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Paul Hackett

Paul Hackett

Iscritto dal 2 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 72
  • Post -
  • Recensioni 1557
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Lo spietato

di Paul Hackett
4 stelle

Giunto dalla Calabria nella Milano degli anni 60, il giovanissimo Santo Russo finisce ben presto in carcere minorile dove inizia una formazione criminale che lo porterà a essere un feroce esponente della 'ndrangheta.

 

Ispirandosi a Manager Calibro 9, una vecchia biografia del pentito Saverio Morabito firmata a quattro mani da Piero Colaprico e Luca Fazzo, il regista e co-sceneggiatore Renato De Maria rinuncia all'apprezzabile asciuttezza del suo valido La Prima Linea per girare una patinatissima produzione Netflix che finisce per sembrare una sorta di remake all'italiana di Quei Bravi Ragazzi. Peccato, perché all'impeccabilità della forma, Lo Spietato non riesce a far corrispondere la concretezza della sostanza, riducendo il tutto al "solito" noir che estetizza il crimine e la violenza. Alla fine, resta solo la buona prova del protagonista Riccardo Scamarcio e la bella colonna sonora, con l'intelligente recupero, da parte di Riccardo Sinigallia, di Malamore, piccolo e misconosciuto capolavoro del pop italiano firmato nel lontano 1977 da Enzo Carella e Pasquale Panella.

 

Deludente: 4/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati