Espandi menu
cerca
Piccole donne

Regia di Greta Gerwig vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 15
  • Post 6
  • Recensioni 1046
  • Playlist 112
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Piccole donne

di Marco Poggi
7 stelle

Nuova versione cinematografica della famosa novella di Luisa May Alcott, con una sorprendente Saoirse Ronan nei panni di Jo March, inquadrata sia nella sua giovinezza che nella sua maturità, Completano il cast Florence Pugh, Eiiza Scanlen e Emma Watson nei panni di Amy, Beth e Meg, e Meryl Streep come zia March.

Nuova versione cinematografica della famosa novella, dove si gioca sul fatto che Jo, il maschiaccio della famiglia March nonché scrittrice in erba, non è altri che l'alter-ego dell'autrice stessa, Luisa May Alcott (vedi le diverse brevi scene ambientate a New York, fra la Jo adulta e il suo editore). Per una volta, al centro dei riflettori non c'è Emma Watson (che si accontenta d'interpretare Meg, la sorella maggiore delle March; un ruolo interessante, ma davvero minore, perché Meg  scompare per diverse scene centrakli del film), ma l'interprete di Jo, Saoirse Ronan (che, come le altre tre protagoniste, ringiovanisce ed invecchia grazie all'uso del trucco e delle parrucche - famosa scena del taglio dei capelli di Jo inclusa -) che, in un viavai di flashback (ambientati, nell'arco di sette anni, in casa March,a  Parigi e a New York), fa del suo personaggio un'eroina forte e romantica in cerca d'amore (vedi il Laurie della  sua adolescenza e il francese Friedrich della sua  maturità) . Da ricordare Florence Pugh, e Eliza Scanlen, entrambi bravissime nel ruolo di Amy e Beth, come anche le apparizioni di un'invecchiata Meryl Streep nel ruolo di zia March (all'attrice basta la battuta: "Non ho bisogno di sposarmi, visto che sono ricca" per convincere il grande pubblco) e Laura Dern in quello "normale" di mamma March. Per essere un film femminile di costume, un genere che a me, normalmente non fa presa, quello di Greta Gerwig  mi ha incuriosito, forse perché da spazio anche a diverse figure maschili, inoltre inquadra le sorelle March più come donne già fatte che come ragazzine e la cosa non mi dispiace.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati