Trama

1613. Shakespeare è ritenuto il più grande scrittore del suo tempo quando un incendio al suo teatro lo costringe a far ritorno a Stratford, dove deve affrontare il suo travagliato passato e la famiglia da tempo trascurata. Perseguitato dalla morte dell'unico figlio Hamnet, si sforza di riallacciare i rapporti con la moglie e le figlie, rimettendo in discussione il suo ruolo di marito e padre.

Approfondimento

ALL IS TRUE: GLI ULTIMI ANNI DI SHAKESPEARE

Diretto da Kenneth Branagh e sceneggiato da Ben Elton, All is True racconta gli ultimi tre anni di vita dello scrittore William Shakespeare da quando lascia Londra per far ritorno a Stratford-upon-Avon, dove tenterà di colmare la distanza emotiva che con il tempo si è creata con la moglie e le due figlie. Tutto ha inizio nel 1613, anno in un cui un devastante incendio distrugge il Golden Theatre durante la prima rappresentazione teatrale di Enrico VIII. Sconvolto, il Bardo decide di far ritorno a Stratford, dove vivono la moglie Anne e le due figlie Judith e Susanna. In vent'anni di lavoro nella capitale inglese, Shakespeare ha avuto modo di vedere la famiglia solo di rado e ciò ha provocato il raffreddamento dei loro rapporti. Sorprese ma non proprio contente, le tre donne apprendono la sua decisione di voler rimanere a Stratford, dove per cercare di alleviare il dolore per la morte del figlioletto undicenne Hamnet (gemello di Judith) avvenuta anni prima ha intenzione di realizzare un giardino commemorativo.

Man mano che i giorni passano, le tensioni familiari a lungo sopite vengono a galla. Anne, che si è sentita umiliata dalle dimostrazioni pubbliche di affetto non dirette a lei contenute nei sonetti del marito, non è per nulla felice di ricevere in visita colui che quei sonetti potrebbe averli ispirati: Henry Wriothesley, il conte di Southampton. Judith, invece, risente molto dell'amore che il padre prova per il gemello morto e la sua rabbia è amplificata dal sentirsi in colpa per essere lei la sopravvissuta. Il rapporto tra Shakespeare e Susanna, la figlia maggiore, appare più disteso ma è destinato a divenire turbolento quando la giovane è accusata di essere infedele al marito, accusa che la porta a un pubblico processo. Da figlio di un uomo un tempo prestigioso, Shakespeare si sente particolarmente minacciato dallo scandalo, che potrebbe minare la posizione sociale che ha raggiunto e per cui ha faticato molto. Continuandosi a porre domande sulle misteriose circostanze che hanno portato alla morte del figlio e su ciò che ne sarà della sua eredità di artista, vorrà trovare le giuste risposte.

Con la direzione della fotografia di Zac Nicholson, le scenografie di James Merifield, i costumi di Michael O'Connor e le musiche di Patrick Doyle, All is True parte da elementi molto noti della vita di Shakespeare e tenta di ricostruire ciò che non si sa attraverso i suoi scritti. Si tratta di un atto d'amore che lo stesso Branagh ha voluto rivolgere a quello che, da quando aveva sedici anni, è il suo artista di riferimento. Proprio come Shakespeare ha usato la sua brillante immaginazione per creare ritratti viventi di re e regine, Branagh e lo sceneggiatore Elton hanno reso sfaccettato e complessa la figura dello scrittore inglese come uomo, rappresentandolo dotato di grande forza creativa, capace di sublime saggezza nel lavoro ma non sempre in grado di affrontare con la stessa determinazione gli eventi della sua esistenza. Dramma familiare, racconto poliziesco e riflessione su un uomo che si è dedicato corpo e anima all'arte, All is True è in poche parole la storia di un uomo che riacquista la pace e la serenità necessarie a vivere in pace gli ultimi giorni della sua vita.

"In All is True - ha dichiarato Branagh - ho scelto di raccontare un periodo della vita di Shakespeare poco noto e studiato, quello che segna il suo ritorno a Stratford a tre anni dalla sua morte. Segnato dalla morte del figlioletto Hamnet occorsa dieci anni prima, ritrova la moglie e le due figlie, che a malapena lo conoscono. Nonostante sia un periodo poco raccontato, nei tre anni accadono molte cose nella vita del Bardo, compreso un grosso scandalo e un processo. Non è stato però facile rimettere insieme i pezzi ma ne è venuto fuori un dramma familiare personale su un uomo che deve riconsiderare il suo posto nel mondo, che si pone domande sulla sua eredità artistica, che deve rivalutare ciò che significava per la sua famiglia e ciò che la sua famiglia significa per lui, e che deve fare i conti con la perdita di un figlio. Per ricostruire quest'ultimo aspetto, sono stati indispensabili gli ultimi lavori di Shakespeare, che trattano di bambini perduti che si ricongiungono o meno con i loro genitori, come se ci fosse in lui il bisogno di riunire la propria famiglia e riassaporare l'atmosfera dell'unione domestica. Ha anche scritto molte opere con i gemelli come personaggi principali, come se avesse capito l'empatia e il legame unico che li lega".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere All is True è il regista, attore e produttore Kenneth Branagh. Nato a Belfast nel 1960, Branagh ha esordito come attore teatrale a 23 anni entrando nella Royal Shakespeare Company e prendendo parte come protagonista a opere come Enrico V e Romeo e Giulietta. Al cinema esordisce come attore nel 1981 grazie… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2018
2018
Kathryn Wilder, Jack Colgrave Hirst
Foto
locandina
Foto
Kenneth Branagh, Judi Dench, Jack Colgrave Hirst, Kathryn Wilder, Lydia Wilson
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito