Espandi menu
cerca
Parasite

Regia di Joon-ho Bong vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 271
  • Post 174
  • Recensioni 4169
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Parasite

di alan smithee
8 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2019 - CONCORSO - PALMA D'ORO

I poveri sono cattivi dentro, avidi, imbroglioni ed approfittatori.... e puzzano pure.

I ricchi sono belli, gentili, gradevoli, ma come infiacchiti dall'opulenza che li circonda, che li rende poco per volta vulnerabili, creduloni, ingenui, propensi a farsi fregare.

Tra i primi riconosciamo di pieno diritto la famiglia Ki-Taek, in cui i membri, tutti ormai adulti, si trovano nella più disperata indigenza e disoccupazione latente.

Tra i ricchi, la famiglia Park. Da quando costoro si mettono alla ricerca di un docente di inglese per la figlia, ed il figlio della famiglia povera falsifica un attestato per dichiararsi idoneo all'insegnamento, gli interessi delle due famiglie finiscono per convergere sempre di più: perché in seguito a questo inganno, sarà la figlia a spacciarsi per psicologa infantile destinata ad osservare da vicino il comportamento del figlio bambino viziato ed esagitato dei Park; poi sarà la volta del padre Ki-Taek, assunto come autista a seguito del licenziamento del giovane addetto al trasporto, fatto passare per un sessuomane; quindi sua moglie, assunta come governante al posto della precedente, fatta credere afflitta da una grave forma di tubercolosi.

So-dam Park, Woo-sik Choi

Parasite (2019): So-dam Park, Woo-sik Choi

Sun-kyun Lee, Yeo-Jeong Cho

Parasite (2019): Sun-kyun Lee, Yeo-Jeong Cho

Quando tutto sembra volgere per il meglio per la famiglia Ki-Taek, che allenta le difese ed inizia a distendersi, ecco che il passato recente torna a farsi sentire e a rivendicare il proprio posto usurpato: non sarà più dunque lotta di classe tra ricchi e poveri, ma un poveri contro poveri, disposti a tutto da una parte per mantenere il proprio status appena conquistato, e dall'altra a recuperarlo, assieme agli scheletri nell'armadio, per usare un'espressione in questo senso quasi letterale.

Finirà pressoché in un massacro, quando la goccia che farà traboccare il vaso sarà proprio la discriminante dell'odore fastidioso, insopportabile della povertà: quello che solo il ricco può avvertire con repulsione, lasciando interdetto, imbarazzato, umiliato colui che emette tale olezzo per lui impercettibile.

Yeo-Jeong Cho

Parasite (2019): Yeo-Jeong Cho

E' un film fantastico, l'ultima fatica del gran regista coreano Bong Joon-ho: un film che, già dal titolo, e poi dalla inquietante locandina, fa pensare ad un tipo di parassita cosmico, ad una minaccia superiore come lo era quella dell'altro magnifico The Host; poi ci si accorge che di parassiti si sta parlando, ma nell'ambito di una dimensione tutta tragicamente terrestre, addentro ad una avviata economia di stampo occidentale, pur nel cuore di uno dei paesi più industrializzati dell'Est-Asiatico, in cui tuttavia il divario tra la minoranza di ricchi e la maggioranza degli indigenti, si sta sempre più demarcando, creando una barriera impenetrabile ove risulta sempre più difficile avviare una comunicazione fruttuosa tra i due estremi.

Kang-ho Song, Hyae Jin Chang, Woo-sik Choi, So-dam Park

Parasite (2019): Kang-ho Song, Hyae Jin Chang, Woo-sik Choi, So-dam Park

So-dam Park, Woo-sik Choi

Parasite (2019): So-dam Park, Woo-sik Choi

Woo-sik Choi, So-dam Park

Parasite (2019): Woo-sik Choi, So-dam Park

Sferzante, ironico, potente nella sua direzione convulsa che riporta al thriller convulso più angosciante pure la commedia sofisticata e a tratti scanzonata che pareva caratterizzare la narrazione lungo la sua prima parte; bizzarro al punto da inserire in colonna sonora pure un pezzo cult di Gianni Morandi (addirittura il melodrammatico "In ginocchio da te"), Parasite è stata la sorpresa di Cannes 72 ed il maggior riconoscimento devoluto all'ottimo autore sudcoreano, mi pare un premio davvero azzeccato, anche se, nell'ambito del Concorso, non si è trattato, a mio giudizio, del più bel film in assoluto visto in tale ambito.

Tra l'azzeccato cast impegnato in una rutilante corsa tipo "caccia al ladro del ladro", riconosciamo una star di prima eccellenza come Kang-ho Song, già abituale interprete di Bong Joon-ho (The Host, Memory of murder, Snowpiercer), e attore prescelto dagli altri massimi nomi della cinematografia contemporanea coreana: pezzi da 90 come Park Chan-wook, Lee Chang-dong e Kim Ji-woon.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati