Espandi menu
cerca
Il traditore

Regia di Marco Bellocchio vedi scheda film

Recensioni

L'autore

penelope68

penelope68

Iscritto dall'11 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 18
  • Post -
  • Recensioni 595
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il traditore

di penelope68
8 stelle

La vicenda del pentito Buscetta deve essere inquadrata dentro un certo contesto storico, e un sistema consolidato che metteva la mafia al centro di tutti gli affari italiani . Buscetta si metteva tra i Corleonesi e il clan dei  Bontate , questi ultimi volevano al loro fianco per eliminare Riina.Lui però si allontanò preferendo essere neutrale,  e trasferendosi in Brasile sotto altra identità .

Quando fu catturato e estradato in Italia , si decise a collaborare con il giudice Falcone ,anche perché erano stati uccisi suoi familiari .

Al giudice che riesce a penetrare la sua corazza di ritrosia confesso' :

Io sono un soldato semplice . A Riina piace comandare , a me piacciono le donne e i divertimenti. " Da questo discorso si evince la sua natura, di delinquente atipico , non sanguinario come altri .

Sarà lui a far crollare la piramide , la struttura criminale e a far processare circa trecento mafiosi , portando a una svolta della lotta contro Cosa nostra.

Favino riesce a incarnare con la sua fisicità e la sua personalità un personaggio non facile, ricco di sfumature . Il suo duello con Pippo Calo' ( ottimo Feracane)

è una delle scene cult , come quelle in cui è ossessionato dai fantasmi degli uccisi ed è soffocato dai sensi di colpa . Grande cast, regia perfetta, sceneggiatura efficace per un film che ti tocca dentro e ti costringe a riflettere sulla storia d' Italia . 

Avrebbe meritato qualche premio a Cannes , ma c 'est la vie. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati